Scacchierando.it
Grand Prix FIDE Sharjah 2017_Home

Grischuk vince il GP FIDE Sharjah 2017!

il russo supera per spareggio tecnico Vachier-Lagrave e Mamedyarov. Nakamura nel gruppo dei quarti

Dopo varie vicissitudini prende finalmente il via il Grand Prix FIDE 2016/17, serie di quattro tornei che qualificherà i primi due classificati al prossimo Torneo dei Candidati. La prima tappa, inizialmente prevista per il 2016, si disputerà dal 18 al 27 Febbraio a Sharjah, Capitale di uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti.

Il formato della quarta edizione della manifestazione è radicalmente cambiato. I gironi all’italiana delle prime edizioni sono stati infatti sostituiti da tornei “svizzeri” di 9 turni con 18 partecipanti. Ventiquattro i giocatori complessivamente invitati alla manifestazione. Nella prima tappa “riposano” Svidler, Giri, Harikrishna, Gelfand, Radjabov e Inarkiev. I diciotto partecipanti hanno una media di 2724 punti Elo FIDE.

Partecipanti alla Tappa di Sharjah

Nr. Nome FED Elo
1 GM Vachier-Lagrave Maxime FRA 2796
2 GM Aronian Levon ARM 2785
3 GM Nakamura Hikaru USA 2785
4 GM Mamedyarov Shakhriyar AZE 2766
5 GM Ding Liren CHN 2760
6 GM Eljanov Pavel UKR 2759
7 GM Adams Michael ENG 2751
8 GM Nepomniachtchi Ian RUS 2749
9 GM Grischuk Alexander RUS 2742
10 GM Li Chao B CHN 2720
11 GM Tomashevsky Evgeny RUS 2711
12 GM Jakovenko Dmitry RUS 2709
13 GM Vallejo Pons Francisco ESP 2709
14 GM Rapport Richard HUN 2692
15 GM Riazantsev Alexander RUS 2671
16 GM Salem A.R. Saleh UAE 2656
17 GM Hou Yifan CHN 2651
18 GM Hammer Jon Ludvig NOR 2628
Vachier-Lagrave

Grazie alle rinunce di Caruana e Wesley So, Vachier-Lagrave è tra i favoritissimi per accaparrarsi uno dei due posti per il Torneo dei Candidati

Levon Aronian

Levon Aronian parte da numero due del tabellone ma, trattandosi di una manifestazione a tappe e considerando l’incostanza delle recenti prestazione dell’armeno, tra i “super favoriti” è quello con meno possibilità di qualificarsi.

Nakamura

Nakamura si è già qualificato una volta al Torneo dei Candidati attraverso il Grand Prix FIDE. Sulla carta questa volta se la giocherà con Vachier-Lagrave e Aronian.

dopo la sostituzione di Wei Yi con la Hou Yifan, la curiosità di vedere una "nuova leva" alle prese conn il Ciclo Mondiale si concentrerà tutta su Rapport

Dopo la sostituzione di Wei Yi con la Hou Yifan, la curiosità di vedere una “nuova leva” alle prese con questa fase del Ciclo Mondiale si concentrerà tutta su Rapport

Regolamento

Il formato consiste in una serie di quattro tornei ai quali parteciperanno complessivamente 24 giocatori. Ogni giocatore partecipa a tre tornei su quattro. Ogni torneo vedrà 18 protagonisti che si affronteranno in un torneo “svizzero” di 9 turni. I 24 partecipanti alla serie di tornei sono così selezionati: i partecipanti all’ultimo Match Mondiale, i semifinalisti della World Cup 2015, i primi otto per media Elo FIDE (giugno 2015-maggio 2016) non già qualificati, il miglior classificato dell’ACP Tour non già qualificato, nove invitati dalla AGON, con un Elo minimo di 2700 in almeno una lista FIDE del 2016. Le riserve sono i primi non qualificati con la media Elo. Cadenza di gioco: 100’x40+50’x20+15′ per terminare la partita +30″ di incremento dalla prima mossa. Ogni torneo assegna punti per la Classifica Generale e un Montepremi di 130.000. Al vincitore di ogni tappa andranno 20.000 € e 170 punti, all’ultimo 2.500 € e 1 punto. I primi due classificati della Generale si qualificano per il Torneo dei Candidati del 2018.

Calendario della tappa di Sharjah: i 9 turni si disputano dal 18 al 27 febbraio. Un giorno di riposo il 23. Orario d’inizo previsto alle ore 15, le 12 in Italia.

Albo d’oro del Grand Prix FIDE

Edizione Vincitore Secondo
2008–10 Levon Aronian (ARM) Teimour Radjabov (AZE)
2012–13 Veselin Topalov (BUL) Shakhriyar Mamedyarov (AZE)
2014–15 Fabiano Caruana (ITA) Hikaru Nakamura (USA)
2017

sito ufficiale

risultati su chessresults

64 Commenti a “Grischuk vince il GP FIDE Sharjah 2017!”

  1. Megalovic
    15 febbraio 2017 - 15:23

    stavolta ci fidiamo di chessresults e pubblichiamo l’articolo sulla prima tappa del GP FIDE che inizierà il 17 febbraio. Confermata la Hou Yifan al posto di Wei Yi.

    • Megalovic
      15 febbraio 2017 - 20:10

      Aumentando i partecipanti al GP FIDE da 16 a 24, il livello medio del GP FIDE non poteva che scendere. Anche la media Elo di ogni singolo torneo non poteva che scendere, visto che si è passati da 12 a 18 partecipanti. Poi ci sono state un paio di defezioni in più del previsto. Evidentemente Caruana e So sono convinti di entrare nel Torneo dei Candidati per Elo.

      I giocatori sono entrati nel circuito per Elo e via World Cup. Gli invitati dovrebbero essere
      Nepomniachtchi, Radjabov, Riazantsev, Rapport, Inarkiev, Vallejo Pons, Salem Saleh, Hammer e Hou Yifan, che all’ultimo momento ha sostituito Wei Yi.

  2. Anonimo 109
    18 febbraio 2017 - 13:35

    https://livestream.com/ChessCast/sharjah2017

    Va e viente: forse le scimmie addestrate da quei geni della AGON stanno cercando di risolvere il problema (per loro) premendo pulsanti a caso.

  3. Megalovic
    19 febbraio 2017 - 20:33

    Vachier-Lagrave batte Rappport e resta solo a punteggio pieno. Vincono anche Ding Liren e Mamedyarov che domani affronterà il capoclassifica. Da non perdere la Nakamura-Rapport.

    Accoppiamenti del terzo turno
    Sc. Nr. Nome Elo Pts. Risultato Pts. Nome Elo Nr.
    1 1 GM Vachier-Lagrave Maxime 2796 2 1½ GM Mamedyarov Shakhriyar 2766 4
    2 7 GM Adams Michael 2751 1½ 1 GM Eljanov Pavel 2759 6
    3 9 GM Grischuk Alexander 2742 1 1 GM Aronian Levon 2785 2
    4 3 GM Nakamura Hikaru 2785 1 1 GM Rapport Richard 2692 14
    5 5 GM Ding Liren 2760 1 1 GM Hammer Jon Ludvig 2628 18
    6 13 GM Vallejo Pons Francisco 2709 1 1 GM Nepomniachtchi Ian 2749 8
    7 17 GM Hou Yifan 2651 1 1 GM Jakovenko Dmitry 2709 12
    8 15 GM Riazantsev Alexander 2671 1 ½ GM Li Chao B 2720 10
    9 11 GM Tomashevsky Evgeny 2711 ½ 0 GM Salem A.R. Saleh 2656 16

  4. Megalovic
    20 febbraio 2017 - 22:42

    Nel terzo turno vince solo Nakamura, che infligge a Rapport la seconda sconfitta consecutiva. Lo statunitense aggancia il gruppo dei secondi e domani afftonterà il capolista solitario Vachier-Lagrave.

    Accoppiamenti del quarto turno
    1 3 GM Nakamura Hikaru 2785 2 2½ GM Vachier-Lagrave Maxime 2796 1
    2 4 GM Mamedyarov Shakhriyar 2766 2 2 GM Adams Michael 2751 7
    3 2 GM Aronian Levon 2785 1½ 1½ GM Riazantsev Alexander 2671 15
    4 12 GM Jakovenko Dmitry 2709 1½ 1½ GM Ding Liren 2760 5
    5 6 GM Eljanov Pavel 2759 1½ 1½ GM Hou Yifan 2651 17
    6 8 GM Nepomniachtchi Ian 2749 1½ 1½ GM Grischuk Alexander 2742 9
    7 18 GM Hammer Jon Ludvig 2628 1½ 1½ GM Vallejo Pons Francisco 2709 13
    8 10 GM Li Chao B 2720 1 1 GM Tomashevsky Evgeny 2711 11
    9 14 GM Rapport Richard 2692 1 ½ GM Salem A.R. Saleh 2656 16

  5. Megalovic
    21 febbraio 2017 - 19:35

    Mamedyarov batte Adams e aggancia Vachier-Lagrave in vetta a quota 3. A 2,5 insegue Nakamura. Il gruppone di 12 (!) giocatori, con Aronian Ding Liren e Grischuk, a 2.

    Nel quinto turno si inizia a fare davvero sul serio e i primi 4 del tabellone si affrontano tra di loro
    1 4 GM Mamedyarov Shakhriyar 2766 3 2½ GM Nakamura Hikaru 2785 3
    2 1 GM Vachier-Lagrave Maxime 2796 3 2 GM Aronian Levon 2785 2
    3 5 GM Ding Liren 2760 2 2 GM Nepomniachtchi Ian 2749 8
    4 9 GM Grischuk Alexander 2742 2 2 GM Eljanov Pavel 2759 6
    5 7 GM Adams Michael 2751 2 2 GM Hammer Jon Ludvig 2628 18
    6 13 GM Vallejo Pons Francisco 2709 2 2 GM Li Chao B 2720 10
    7 15 GM Riazantsev Alexander 2671 2 2 GM Jakovenko Dmitry 2709 12
    8 16 GM Salem A.R. Saleh 2656 1 2 GM Hou Yifan 2651 17
    9 11 GM Tomashevsky Evgeny 2711 1 1½ GM Rapport Richard 2692 14

  6. Megalovic
    24 febbraio 2017 - 19:37

    Nepomniachtchi batte Li Chao e il gruppo di testa si fa sempre più folto con Vachier-Lagrave e Mamedyarov in testa con 4/6, inseguiti da Adams, Jakovenko, Nakamura, Grischuk e lo stesso Nepomniachtchi con 3,5. Vince anche Rapport (giocatore più combattivo con 2 vittorie, 2 sconfitte e 2 patte) che sale a 3.

    Incontri del settimo turno
    1 1 GM Vachier-Lagrave Maxime 2796 4 3½ GM Jakovenko Dmitry 2709 12
    2 4 GM Mamedyarov Shakhriyar 2766 4 3½ GM Nepomniachtchi Ian 2749 8
    3 9 GM Grischuk Alexander 2742 3½ 3½ GM Adams Michael 2751 7
    4 5 GM Ding Liren 2760 3 3½ GM Nakamura Hikaru 2785 3
    5 14 GM Rapport Richard 2692 3 3 GM Aronian Levon 2785 2
    6 13 GM Vallejo Pons Francisco 2709 3 3 GM Hou Yifan 2651 17
    7 10 GM Li Chao B 2720 2½ 2½ GM Eljanov Pavel 2759 6
    8 11 GM Tomashevsky Evgeny 2711 2 2½ GM Hammer Jon Ludvig 2628 18
    9 16 GM Salem A.R. Saleh 2656 2 2 GM Riazantsev Alexander 2671 15

  7. Megalovic
    27 febbraio 2017 - 21:45

    Grischuk vince per spareggio tecnico (primo criterio gli scontri diretti, secondo criterio il maggior numero di vittorie) la prima tappa.

    Classifica Finale (dal sito FIDE)
    1 GM Grischuk Alexander RUS 2742 – 5.5
    2 GM Vachier-Lagrave Maxime FRA 2796 – 5.5
    3 GM Mamedyarov Shakhriyar AZE 2766 – 5.5
    4 GM Ding Liren CHN 2760 – 5
    5 GM Adams Michael ENG 2751 – 5
    6 GM Jakovenko Dmitry RUS 2709 – 5
    7 GM Nakamura Hikaru USA 2785 – 5
    8 GM Nepomniachtchi Ian RUS 2749 – 5
    9 GM Rapport Richard HUN 2692 – 4.5
    10 GM Eljanov Pavel UKR 2759 – 4.5
    11 GM Li Chao B CHN 2720 – 4.5
    12 GM Vallejo Pons Francisco ESP 2709 – 4.5
    13 GM Aronian Levon ARM 2785 – 4
    14 GM Hou Yifan CHN 2651 – 4
    15 GM Salem A.R. Saleh UAE 2656 – 3.5
    16 GM Hammer Jon Ludvig NOR 2628 – 3.5
    17 GM Tomashevsky Evgeny RUS 2711 – 3.5
    18 GM Riazantsev Alexander RUS 2671 – 3

    Va comunque ricordato che i punti del GP FIDE vengono divisi tra i giocatori che concludono il torneo con gli stessi punti

    Classifica dopo la prima tappa (da wikipedia)
    1 Maxime Vachier-Lagrave (FRA) 140
    1 Shakhriyar Mamedyarov (AZE) 140
    1 Alexander Grischuk (RUS) 140
    4 Hikaru Nakamura (USA) 70
    4 Ding Liren (CHN) 70
    4 Michael Adams (ENG) 70
    4 Ian Nepomniachtchi (RUS) 70
    4 Dmitry Jakovenko (RUS) 70
    9 Pavel Eljanov (UKR) 25
    9 Li Chao (CHN) 25
    9 Francisco Vallejo Pons (ESP) 25
    9 Richard Rapport (HUN) 25
    13 Levon Aronian (ARM) 7
    13 Hou Yifan (CHN) 7
    15 Evgeny Tomashevsky (RUS) 3
    15 Salem Saleh (UAE) 3
    15 Jon Ludvig Hammer (NOR) 3
    18 Alexander Riazantsev (RUS) 1
    19 Anish Giri (NED)
    20 Pentala Harikrishna (IND)
    21 Peter Svidler (RUS)
    22 Ernesto Inarkiev (RUS)
    23 Boris Gelfand (ISR)
    24 Teimour Radjabov (AZE)

  8. kraus
    2 marzo 2017 - 17:43

    Chess24 fa il punto sulla prima tappa con un articolo che, giusto per far capire l’aria che tira, s’intitola:

    “Cos’è andato storto a Sharjah?” (https://chess24.com/en/read/news/what-went-wrong-in-sharjah)

    E aggiunge che questa prima tappa “è stata uno degli eventi di spicco meno memorabili degli ultimi anni”, elencando in ordine sparso le ragioni per cui a Sharjah le cose non sono andate per il verso giusto:

    “1. Troppe patte (60 su 81 incontri, ossia il 74%)”. Di queste partite patte, più della metà sono finite in meno di 30 mosse. 5 giocatori hanno pattato ben 8 volte, con la Yifan e Aronian che hanno mancato il record perfetto – alla Giri, per intenderci – solo a causa d’un risultato decisivo all’ultimo turno. Record perfetto che è comunque riuscito a Paco Vallejo (9 su 9).

    Chess24 suggerisce di “vietare le offerte di patta prima della 40a mossa. Come soluzione, di per sé, non garantirebbe partite più avvincenti, ma negli ultimi dieci anni abbiamo visto che scongiurare la tentazione di pattare in fretta tende ad aumentare i risultati decisivi, le sviste e il lato intrigante del gioco”;

    2. Il sistema svizzero con appena 18 giocatori. Il divario non enorme in termini di ELO tra i partecipanti ha impedito di godere dei vantaggi di questo sistema: “c’erano sì giocatori sfavoriti, ma non grandi sfavoriti, e gente come Hou Yifan e Jon Ludvig Hammer si è battuta alla morte per pattare i rispettivi incontri. Si potrebbe obiettare che anche Hammer, penultimo con -2, ha fatto bene, perché ha guadagnato punti ELO…”. Nell’articolo di Chess24 seguono altre interessanti considerazioni e approfondimenti su questo secondo punto dolente;

    3. L’assenza dei migliori: “il torneo non avrebbe mai riscosso la stessa attenzione né la stessa copertura mediatica dei grandi supertornei (…) Magnus Carlsen, Wesley So, Vladimir Kramnik, Vishy Anand e Veselin Topalov hanno tutti declinato l’invito. Il motivo per cui hanno rifiutato ci porta al quarto punto…”;

    4. Il montepremi: non c’è confronto tra il primo premio di 20.000 € per la tappa di Sharjah e i 75.000 € che vanno a chi vince i tornei del Grand Chess Tour. “Per gli habitué dei supertornei, l’unico incentivo a partecipare è rappresentato quasi esclusivamente dai due biglietti per il prossimo Torneo dei Candidati. Chi non ne ha bisogno o non intende accettare condizioni peggiori per contenderseli, se ne sta alla larga”;

    (Per farla breve, tiro dritto con le altre motivazioni senza aggiungere altro, ma l’articolo è interessante da cima a fondo)

    5. Il processo di selezione;
    6. La suddivisione della kermesse in quattro tappe;
    7. La mancanza di un vincitore per ogni torneo;
    8. Il Campionato del mondo femminile;
    9. La diretta a pagamento;
    10. L’antAGONismo nei confronti dei media scacchistici
    11. Un sito ufficiale che non funziona

  9. Megalovic
    3 marzo 2017 - 09:33

    Sull'”antAGONismo”, era difficile aspettarsi che, dopo essere stata trascinata in un’aula di tribunale da AGON, chess24 (nonostante ne sia uscita vincitrice) scrivesse un articolo benevolo su questo punto.

    La questione sollevata più rilevante mi sembra l’alta percentuale di patte*, di cui molte “veloci”, e la proposta di introdurre il divieto di patta entro X mosse. Per la spettacolarità è ovvio che sia una scelta auspicabile. C’e’ però da chiedersi se sia compatibile con un Torneo valido per il Ciclo Mondiale.

    * sul punto, aspetterei i dati dei prossimi tornei del GP FIDE per farmi un’idea più consistente, visto che anche in un torneo del Grand Chess Tour abbiamo assistito ad una percentuale di patte vicina all’80%

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.