Scacchierando.it
evidenza

Campionato del Mondo 2018

Giorno di riposo del Match arrivato al giro di boa di metà gara in perfetta parità: Carlsen-Caruana 3-3 dopo 6 patte!

Terzo giorno di riposo del Mondiale 2018 arrivato al giro di boa di metà match sul punteggio di perfetta parità, 3-3 dopo sei patte. Entrambi i giocatori hanno avuto l’occasione di vincere (con il nero!), Carlsen nella prima partita e Caruana nella sesta. Secondo Svidler e Kasparov la linea vincente del finale della sesta partita era però “disumana” (maggiori approfondimenti nella sezione “brevissime partite 5-6” di questo articolo) per cui entrambi i contendenti derubricheranno l’occasione “persa/concessa” come fuori dalla loro portata. Semmai, Carlsen dovrà fare i conti con l’essere stato lui a rischiare di perdere partendo da una posizione “piatta” e non, come di solito accade, il suo avversario di turno. La sfida tra i due giganti della scacchiera riprenderà domani, domenica 18 novembre, con la settima partita. Carlsen avrà di nuovo il bianco (a metà match si invertono i colori).

Questo articolo è dedicato ai turni dal quinto in poi. Clicca QUI per l’articolo con i commenti alle prime quattro partite.

Ascolti su Scacchierando

La sesta partita del Mondiale ha di nuovo scatenato l’interesse degli appassionati italiani, con Scacchierando che ha superati i picchi della prima partita con oltre 190 utenti collegati contemporaneamente!

Mondiale_2018_Utenti_attivi_partita_6

Brevissime Partite 5-6

Nella quinta partita Caruana insiste con la Siciliana Rossolimo ma, anche dopo un interessante sacrificio di pedone “alla Fischer” (6.b4, variante Gurgenidze), non ottiene nulla. In una partita in cui sarebbe stato facile “cadere” Carlsen gioca, infatti, tutte le migliori (Caruana: “questa linea è davvero molto interessante e se il nero è cooperativo può diventare molto eccitante, ma Magnus la conosceva piuttosto bene e penso abbia giocato in modo molto logico“) e la partita termina con una patta in 34 mosse.

La reazione di Carlsen a 6.b6. Foto Niki Riga

La reazione di Carlsen a 6.b6. Foto Niki Riga

Nella sesta partita Caruana surclassa Carlsen per larghi tratti ma non sfrutta un errore decisivo del Campione del Mondo che si salva grazie ad una fortezza, in cui da oggi il norvegese inizierà a credere (in passato aveva dichiarato: “io non credo nelle fortezze“). La partita era iniziata con una difesa Russa (terza apertura diversa nelle tre partite con il bianco per Carlsen) nella quale Magnus provava a sorprendere Fabiano con una variante relativamente rara (4.Cd3 al posto di Cf3, giocata anche da Wesley So contro Caruana nella Sinquefield 2018, e soprattutto 6.Cf4), ma il norvegese non otteneva nulla da una linea che liquidava subito le Donne. Dopo le schermaglie iniziali, sulla scacchiera si palesava una posizione innocua e Carlsen, nel tentativo di ottenere qualcosa partendo da una posizione “piatta”, proponeva il suo consueto gioco manovriero. Caruana reagiva però con forza optando per un piano concreto (21.c5!) e, da quel momento, si è giocato ad una porta sola, quella del Campione del Mondo. Fabiano infatti lentamente incrementava la pressione finché Carlsen non ha “retto” e (non costretto) si è deciso per un cambio di un pezzo per tre pedoni (42.Axd5). Il cambio si è però trasformato in un sacrificio visto che Caruana recuperava subito un pedone (Carlsen: “per la seconda volta nella partita non ho visto il piano con Aa3 e, dopo aver perso il pedone,  ho iniziato a preoccuparmi”). La posizione era comunque pattabile ma, secondo molti commentatori, più difficile da difendere. Dopo aver perso il pedone, Carlsen iniziava a giocare magistralmente partendo dall’idea di cedere il pb3 al posto del pedone pa2, passando per il successivo sacrificio del pa4 al momento giusto e finendo con la costruzione della fortezza, con il Re in h7. Il Campione del Mondo ha poi concesso (67..Rg6?) solo una possibile vittoria disumana* (il super motore norvegese sentenzia: matto forzato in 36 mosse dopo 68..Ah4!!) che lo Sfidante, umanamente, non vedeva e dopo 80 mosse arrivava la divisione della posta.

* Kasparov: il computer mostra che il nero vince con 68..Ah4 ma se Caruana avesse giocato l’incredibile 69.Ad5 Ce2 70.Ag3 Cg1!! avrebbero dovuto chiamare immediatamente il metal detector. Nessun umano può intrappolare il proprio Cavallo in questo modo … forse la trovi, per esclusione, solo se ti propongono questa posizione come uno studio “muove e vince”. Ma, come in molte vittorie con lunghe linee suggerite delle tablebase, non c’è alcuna logica nella sequenza iniziate che ti aiuti (a trovarla).
* Svidler: anche quando ho visto cosa il motore suggeriva per vincere, onestamente non penso fosse umanamente possibile trovarlo.

Matto_partita6_Match_Mondiale_2018

Screenshot del Super Motore norvegese che ha eccitato i tifosi di Caruana

La reazione di Carlsen dopo aver saputo che Caruana aveva un matto forzato (computer).

La reazione di Carlsen durante la conferenza stampa post partita, dopo aver saputo che Caruana aveva un matto forzato (computer). Foto US Chess

Dirette in italiano

Dalle 21:30 in poi il canale You Tube Unichess trasmetterà un commento a caldo sulla partita a cura di (a rotazione) GM Danyyil Dvirnyy, GM Roberto Mogranzini, MI Alessio Valsecchi, MI Fabrizio Bellia, MF Maurizio Caposciutti, MF Raffaele Di Paolo, M Augusto Caruso e con lo YouTuber Romualdo Vitale.

In programma, per alcune partite, anche una diretta in italiano sul canale YouTube di Chess Projects (o su chess24.com) a cura del Maestro Matteo Zoldan.

Mondiale_2018_UNichess

Segnaliamo infine gli incontri a Milano presso la Palazzina Appiani alla Arena. Il primo si è tenuto in occasione della quarta partita ed è intervenuta la vice-console di Norvegia, dr.sa Barbara Rossi, che tra l’altro ha raccontato che i genitori di Magnus Carlsen avrebbero voluto che il ragazzo diventasse un campione di sci, ma poi lo hanno assecondato nella sua passione per gli scacchi. I prossimi incontri milanesi lunedì 19 novembre per seguire in diretta l’ottava partita e giovedì 22 per la decima. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16.

Mondiale_2018_dirett_Milano

Regolamento

Il Match è giocato sulle 12 partite, il primo che raggiunge i 6,5 punti è Campione del Mondo. In questa fase le partite sono giocate a cadenza classica: 100′ per le prime 40 mosse, 50′ per le successive 20 e quindi 15′ per terminare, sempre con incremento di 30″ a mossa. E’ vietata la patta d’accordo prima della 30ª mossa. A metà match i colori verranno invertiti per cui chi inizia con il nero avrà il bianco nella 6ª e 7ª partita. Nel caso di parità dopo la fase a cadenza classica, il tie-break è costituito da quattro Rapid con cadenza 25’+10″; in caso di ulteriore parità sono previste due Blitz a cadenza 5’+3″ che se danno luogo ancora a un pareggio portano alla disputa di altre due Blitz e così via fino ad un massimo di cinque mini-match. Alla fine di questa “maratona” a gioco veloce (tutta concentrata eventualmente nella giornata del 28 novembre), è previsto il solito “Armageddon”: il giocatore con i Bianchi dispone di 5 minuti sull’orologio, chi guida i Neri invece gode di soli 4 minuti, per entrambi senza incremento fino alla 60esima mossa, poi tre secondi vengono aggiunti per ogni mossa effettuata; in caso di patta, la partita viene aggiudicata al Nero che diviene quindi Campione del Mondo. Montepremi pari a un milione di Euro: il vincitore intasca il 60% se si impone entro la fase classica, altrimenti il 55%.

Calendario

header

calendario

 

Sito ufficiale

Road to London il percorso verso il Mondiale by Megalovic di Scacchierando

Articolo di presentazione e partita 1 by Blade di Scacchierando

Diretta e brevissime delle partite 2-4 by Megalovic di Scacchierando

304 Commenti a “Campionato del Mondo 2018”

  1. Megalovic
    15 novembre 2018 - 16:01

    Ancora Siciliana Rossolimo!

  2. Megalovic
    15 novembre 2018 - 16:04

    Ma questa volta Caruana non cambia il Cavallo, arrocca e poi gioca 6.b4!?

    Due parte ad alto livello
    Bacrot-Grischuk 0-1 2017 Rapid
    Rapport-Granda Zuniga 0-1 2013

    Poi c’è una
    Stellwagen-Carlsen 1/2 quando Carlsen era un 2550 (nel 2005)

  3. Megalovic
    15 novembre 2018 - 16:29

    Nella posizione dopo 10.Axa1 Van Wely aveva catturato in b4 (due pedoni in più, ma triplicati e isolati), finendo con il perdere contro un 2300.

    Carlsen sceglie 10..d6. Una sola partita tra un MF e un MI, vinta dal MI (nero), proseguita con 11.bxc5 Ce7 12.cxd6 Dxd6

  4. Megalovic
    15 novembre 2018 - 16:44

    Carlsen reagisce alle novità di Caruana nel modo migliore! Dopo 13… Da5 14.cxd6 la naturale Cc6 dava, secondo i motori, un leggero vantaggio al bianco che avrebbe sacrificato (apparentemente) il pezzo (Aa1) con d4! e se Dxa1 con d5 il bianco recupera il pezzo.

    • Megalovic
      15 novembre 2018 - 16:52

      SCACCHI, perché Caruana ha giocato un’altra variante (De2 e Dc4) e, se Carlsen non avesse giocato con grandissima precisione, Caruana sarebbe passato in vantaggio (stando ai motori). Secondo me anche Carlsen era preparato, visto che ha mosso senza mai pensare troppo in una posizione rara e abbastanza complicata. Se non era preparato, allora Magnus è una “motore”.

  5. Megalovic
    15 novembre 2018 - 17:05

    Tra l’altro Carlsen alla fine, dopo 18.cxb4 ha sacrificato un pedone (pc7 cade subito). Ma il motore sentenzia: 0.00. Per le difficoltà del bianco di sviluppare e armonizzare i propri pezzi.

    • Megalovic
      15 novembre 2018 - 17:23

      La preparazione casalinga, se l’avversario non sbaglia, spesso alla fine ti da 0.00. Se poi Caruana dovesse perdere, non significherebbe che la preparazione si è inceppata ma che Carlsen avrebbe giocato meglio.

  6. Megalovic
    15 novembre 2018 - 17:28

    Carlsen era in preparazione anche secondo Svidler, ed ha pensato un po’ (max 5′ per mossa) solo per “ricordare” o per far credere a Caruana che non conoscesse bene la variante.

    Questo confermerebbe che l’idea che molti hanno di un Carlsen relativamente poco preparato (per il suo livello) non sia molto verosimile. intanto Caruana sta pensando da quasi 30′. Vediamo se vale la “regola” per cui se pensi più di 20′, alla fine sbagli.

  7. Megalovic
    15 novembre 2018 - 17:42

    Secondo Svidler la migliore dopo 19.Ac3 Rxc7 era Cg5 per cambiare l’Ae6 ma, secondo me, Caruana (d3) sin da adesso sta puntando agli Alfieri contrari 😀
    In ogni caso, con questa mossa anche Carlsen dovrebbe aver terminato la preparazione.

  8. Megalovic
    15 novembre 2018 - 18:32

    Dopo 21..Td8 sembra che il bianco possa semplificare la posizione con 22. Ae3+ e se Rb5 23. Cc3+ Rxb4 24. Cd5+ Axd5 25. exd5 Txd5 26. Tb1+ seguita 27. Txb7 (proposta da Svidler)

    • Megalovic
      15 novembre 2018 - 18:41

      Interessante. Segnalo che l’idea di 6.b6 sarebbe concettualmente simile a quella usata da Fischer nel match del 1992 con Spassky

      Olimpiu G. Urcan
      ‏@olimpiuurcan
      41 min41 minuti fa
      Fabiano Caruana’s 6.b4 idea is similar to a concept used by Bobby Fischer. From page 106 of “No Regrets. Fischer – Spassky 1992” by Yasser Seirawan and George Stefanovic (Seattle, 1992)

  9. Megalovic
    15 novembre 2018 - 18:53

    Visto che la diretta video oggi non funzionava sul sito ufficiale, l’hanno spostata su You Tube ed è visibile a tutti

    https://www.youtube.com/watch?v=3RWEh3vUaqw

  10. Megalovic
    15 novembre 2018 - 19:00

    Adesso il pedone in più è di Carlsen ma, secondo Svidler, la posizione è ancora pari ma è preferibile giocare con il bianco mentre prima, quando il pedone in più l’aveva il bianco, era preferibile giocare con il nero! Secondo il russo il nero deve stare attento perché potrebbe cadere in una posizione inferiore. Grischuk non ha parlato ma mi sembrava leggermente scettico (nel senso che la posizione non ha più nulla da dire).

    Il nero adesso, sempre secondo Svidler, deve giocare 29..h5 per mantenere la parità. Chissà quali sono invece le sensazioni-valutazioni di Carlsen e Caruana.

  11. Megalovic
    15 novembre 2018 - 19:30

    Domanda: chi è il tuo giocatore preferito (del passato)?
    Carlsen: me stesso, 3 o 4 anni fa 😀

    In conferenza stampa
    Caruana aveva risposto Fischer, nei suoi picchi.

  12. Megalovic
    15 novembre 2018 - 19:40

    Caruana sull’apertura: “Questa linea è davvero molto interessante e se il nero è cooperativo può diventare molto eccitante, ma Magnus la conosceva piuttosto bene e penso abbia giocato in modo molto logico”.

  13. Megalovic
    15 novembre 2018 - 21:05

    Secondo Grischuk la linea principale della preparazione di Caruana era 12. cxd6 Dxd6 13.d4 con un leggero vantaggio per il bianco, ma visto che Magnus stava giocando lentamente ha deciso di giocare d’azzardo con 12.De2!?, con il nero che sarebbe andato in difficoltà se non conosceva/giocava la precvisa 12…b4!

  14. SCACCHI
    15 novembre 2018 - 21:23

    Il pensiero di Loris Cereda lo trovo molto pertinente e devo dire che non ci avevo riflettuto adeguatamente: guardare le partite con il computer che ti indica le mosse e’ molto ingannevole. La partita stessa sembra noiosa ma se si pensa che questi due ragazzi scelgono sempre la mossa che un computer avrebbe scelto ci da l’idea di quanto particolarmente dotati siano i giocatori adesso. Tempo fa ho scritto che preferivo le rapid e i blitz alle partite canoniche e qualcuno mi ha un po’ criticato ma dopo questo mondiale la mia preferenza si e’ fatta piu’ forte. A questi livelli lo spettacolo scema un po’, fra preparazioni casalinghe, conosccenza delle tecniche dei finali, semplificazioni, etc. Se verranno le rapid vedrete che chi avra’ la fortuna di seguire le partite in diretta le gustera’ con l’acquolina alla bocca e con l’occhio fermo sullo schermo. Giocare la partita chiaramente e’ diverso, e’ piu’ bello giocarla sulle due ore ma alzi la mano chi di noi non si e’ mai fermato a guardare un match allo zeitnot anche se si trattava di due terze nazionali. E’ spettacolo anche quello. Ritornando a questo campionato del mondo credo che i due ci stiano indicando la via degli scacchi del futuro che avranno una propensione verso le patte molto piu’ accentuata e probabilmente la scelta delle varianti sara’ sempre piu’ limitata. E parlo di top player che vivono di scacchi, ovviamente non di giocatori da circolo. Al momento il mio pronostico su questo match e 6-6, sara’ difficile vedere una vittoria nelle prossime partite.

  15. Megalovic
    15 novembre 2018 - 21:29

    Ian Rogers: l’apertura della quinta partita del Mondiale è stata trattata nel libro “The Anti-Sicilian 3.Bb5” di Razuvayev e Matsukevich (1984), considerando la posizione del nero soddisfacente dopo 11..Ce7

    Ian Rogers
    @GMIanRogers
    3 h3 ore fa
    Altro
    The opening line in Game 5 of the World Ch. was covered in the 1984 Batsford book ‘The Anti-Sicilian 3.Bb5’ by Razuvayev and Matsukevich, considering Black’s position satisfactory after 11…Ne7.

  16. Megalovic
    16 novembre 2018 - 14:02

    A proposito di quote. I bookmaker/scommettitori credono molto in un ennesimo cambio di apertura da parte di Carlsen (sinora 1.d4 e 1.c4)
    1.e4 2.10 43,1%
    1.d4 3.40 26,7%
    1.tutte le altre 3 30,2%

  17. Megalovic
    16 novembre 2018 - 16:01

    1.e4! Russa

  18. Megalovic
    16 novembre 2018 - 16:27

    Carlsen le sta giocando tutte al colpo! 14.Dopo Cf4
    Carlsen 100′ Caruana 86′

  19. Megalovic
    16 novembre 2018 - 17:03

    GM Maurice Ashley (nella diretta americana): questa partita sembra la patta più facile dell’intero match
    GM Jon Ludvig Hammer (su twitter): le ultime parole famose.

  20. Megalovic
    16 novembre 2018 - 17:16

    Grischuk appena arrivato nella diretta chess24. Qualche considerazione:

    “è una linea ben conosciuta. Me ne ha parlato Kovalev recentemente durante l’Isle Of Man e mi ha detto che 7..Cd4 “uccide” la linea”

    “onestamente, non voglio analizzare o discutere di questa posizione finché non succede qualcosa”

    “se Fabiano non inizia a giocare male, non può succedere nulla”.

  21. Megalovic
    16 novembre 2018 - 17:49

    Caruana non ci sta a far manovrare a piacere Carlsen e, dopo una riflessione di quasi 15′, si decide per una mossa concreta, inaspettata per gli umani (Svidler e Grischuk), non per i motori. 21…c5

  22. Megalovic
    16 novembre 2018 - 20:37

    Carlsen da un pezzo per tre pedoni! Caruana dovrebbe recuperarne uno forzatamente dopo Ad6 e Aa3

  23. Megalovic
    16 novembre 2018 - 21:59

    Curiosità. Il Cavallo ancora in vita è stato mosso per 23 volte su 62 mosse!

    US Chess
    @USChess
    5 min5 minuti fa
    Altro
    The epic knight tour continues for @FabianoCaruana… He has moved the same knight for 23 out of the first 62 moves.

  24. Megalovic
    16 novembre 2018 - 22:07

    Sul Super motore leggo matto in 30 mosse

  25. Megalovic
    16 novembre 2018 - 22:12

    Il matto si dava con 68..Ah4 e portando poi il Cavallo in g2. Sempre il super motore.

    Il problema di Ah4 è che permetteva h6 per cui devi stare attento perché l’Alfiere bianco taglia fuori il Re nero e se non sei certo rischi di perdere

  26. Megalovic
    17 novembre 2018 - 08:34

    Secondo Kasparov, (Ah4) forse la trovi per esclusione solo se ti propongono questa posizione come uno studio “muove e vince”. Ma, come in molte vittorie con lunghe linee suggerite delle tablebas, non c’è alcuna logica nella sequenza iniziate che ti aiuti (a trovarla).

    Garry Ksparov
    @Kasparov63
    6 h6 ore fa
    Altro Garry Kasparov ha ritwittato Alex Colovic
    No. If given that position as a “moves and wins” study, perhaps eventually with process of elimination. But as with many long tablebase wins there’s no obvious logic to the initial sequence to help you.

  27. Megalovic
    17 novembre 2018 - 09:37

    Secondo me entrambi derubricheranno la mossa vincente per il nero come “disumana” e fuori dalla loro portata, per cui quanto accaduto non inficerà le sicurezze dei due. Semmai Carlsen dovrà fare i conti con l’essere stato lui a rischiare di perdere partendo da una posizione “piattissima” e non, come di solito accade, il suo avversario di turno.

    Per esempio. Durante la conferenza stampa Carlsen, al giornalista che gli aveva comunicato che il nero aveva la mossa vincente (computer), ha chiesto: ma per un mio errore? E alla risposta affermativa si è tranquillizzato con un “ok ok”.

    Questo perché, dal punto di vista tecnico (e dell’amor proprio), un conto è essere entrati in un finale perso (se Caruana avesse avuto la linea vincente indipendentemente dalla mossa di Carlsen), altro è essere entrati in un finale patto, che si è rischiato di perdere solo per non aver visto una linea disumana.

  28. Megalovic
    17 novembre 2018 - 09:57

    La partita di ieri ci ha mostrato che contro il gioco “manovriero” di Carlsen, nelle posizioni in cui vuole “cavare il sangue dalle rape”, Caruana per essere competitivo e avere chance deve proporre, quando possibile, un gioco “concreto” nel quale, come ho già scritto, Grischuk sostiene non abbia nulla da invidiare a Carlsen che invece resta superiore, sempre per il russo, quando la disputa si risolve in lunghe fasi manovrate.

    A proposito di Grischuk. Durante il commento di ieri il russo, che di solito è un tipo che non si impressiona e lesina i “WOW” che spesso usano altri commentatori, è rimasto davvero impressionato da 39…Ab2! (e dal piano che c’era dietro, con l’idea di trasformare in dinamico il leggero vantaggio del nero), mossa suggerita dal super motore, mentre lui con Svidler aveva analizzato tutt’altro.

  29. Megalovic
    17 novembre 2018 - 10:18

    In alternativa agli spareggi rapidi qualcuno ha proposto di giocare una tredicesima partita con il bianco allo Sfidante e il nero al Campione che conserva il titolo in caso di patta. Questa idea, però, se è un miglioramento rispetto alla regola che in passato permetteva di conservare la Corona in caso di pareggio nel match, dall’altro di fatto è come se concedesse quasi mezzo punto di partenza di vantaggio al Campione al solo costo di un bianco in meno (che tra l’altro non è un grandissimo vantaggio per l’avversario, visto che a questi livelli di norma garantisce uno 0,52 a 0,48).
    Quindi, se si cerca l’equità, il colore secondo me dovrebbe essere sorteggiato. A quel punto però il nero avrebbe un vantaggio eccessivo dall’avere due risultati utili su tre per cui si potrebbe pensare ad una sorta di “Armageddon classica”: 180’+30″ al bianco, 90’+30″ al nero.

  30. Megalovic
    17 novembre 2018 - 10:51

    Le impressioni di Grischuk sulla sesta partita e sul Mondiale, pubblicate sul sito della federazione russa.

    In sintesi

    Sull’apertura
    – La linea ha guadagnato popolarità ultimamente, ma il gioco di Caruana sembra una confutazione dell’intera idea

    Sul medio gioco
    21…с5! è una mossa eccellente. Dopo Carlsen ha giocato in maniera disordinata, mentre ogni successiva mossa di Fabiano era davvero molto forte. E quando una posizione diventa concreta, ogni mossa ha una grande importanza.
    – Caruana ha offerto una prestazione eccellente, surclassando (outplaying) Carlsen partendo da una posizione pari

    Sul finale
    – Carlsen è riuscito a trovare una difesa da studio.

    Sull’andamento del Match
    – le forze iniziano a bilanciarsi a vicenda.
    – negli spareggi Carlsen sarebbe favorito. Ritenendo la vittoria di Caruana altamente improbabile, in alternativa dopo (eventuali) 11 patte Caruana agirà in modo più aggressivo nella dodicesima.

  31. Megalovic
    17 novembre 2018 - 11:38

    Altra, secondo me interessante, opzione per l'”Armageddon classic”, sulla scia di quanto fanno nel Campionato Nazionale USA. Lasciare che siano i giocatori e non il caso (il ché è sempre una cosa buona) a stabilire chi giochi con il nero, e con quanto tempo sul totale a disposizione (270′), attraverso un’asta con buste chiuse. Il nero andrebbe al giocatore che ha offerto meno tempo.

  32. Megalovic
    17 novembre 2018 - 12:34

    Come in ogni giorno di riposo, un aggiornamento sulle quote del Mondiale

    Dopo 6 partite aumentano le possibilità che il match termini in pareggio a discapito delle possibilità di una vittoria di Carlsen dopo le 12 classiche. Stabile Caruana.
    Carlsen 2,10
    Pareggio (6-6) 2,75
    Caruana 3,75

    Tradotto in percentuali di vittoria del match al netto della quota che si assicura la casa di gioco
    Carlsen 43% (49,2 dopo due partite, 47,8% dopo quattro)
    Pareggio (6-6) 32,9% (22,8% 28%)
    Caruana 24,1% (28% 24,2%)

    Nonostante questo, salgono leggermente le possibilità di vittoria del Match du Carlsen
    Carlsen 1,4
    Caruana 3
    Tradotto in percentuali di vittoria del match
    Carlsen 68,2% (62,5% 67,4%)
    Caruana 31,8% (37,5% 32,6%)

    Questo perché, oltre a possibili giocate sulle due diverse scommesse “incoerenti” tra di loro, potrebbe essere aumentata la percezione che Carlsen sia nettamente favorito negli eventuali spareggi rapidi.
    Percentuale di vittoria dell’eventuale spareggio
    Carlsen 76,6% (58,3% 70%)
    Caruana 24,4% (41,7% 30%)

    Le stime sugli spareggi sono così entrate nel range della stima di Grischuk (75-80 per Carlsen)

    Queste le quote sulla prima mossa che potrebbe scegliere Carlsen nella settima partita (sinora 1.d4 1.c4 1.e4).
    e4 2.00
    d4 2.75
    Tutte le altre 4.00

    Ne approfitto per segnalare, infine, che Caruana è diventato (leggermente) favorito per il London Chess Classic (che prevede una Final Four con match in stile World CUP, due partite classiche ed eventuali spareggi rapid). Prima del Mondiale i favoriti erano Aronian e Nakamura, evidentemente per la scarsa fiducia nel gioco rapido di Fabiano che deve aver convito gli scommettitori sulla possibilità che possa risolvere il match nelle classiche.
    Caruana 3.00
    Nakamura 3.25
    Aronian 3.50
    Vachier-Lagrave 5.00

  33. Megalovic
    17 novembre 2018 - 13:03

    wcaru per come la vedo io, considerando quanto fosse semplice la posizione iniziale del medio gioco (molti commentatori davano una patta quasi già scritta, tanto che Grischuk si chiedeva solo se fosse possibile perderla contro i computer, rispondendosi tra l’altro affermativamente), che Caruana abbia ottenuto una posizione possibilmente vincente è, più o meno, altrettanto “surclassante” l’aver ottenuto l’occasione di vincere partendo da una posizione complicata.

    Su questo molti autorevoli commentatori (per esempio J.Polgar e Grischuk) sono d’accordo, visto che hanno parlato di un Carlsen “outplayed”, termine che può essere tradotto con surclassato o battuto. Non essendo Carlsen stato battuto, non resta che tradurli con surclassato.

  34. Megalovic
    17 novembre 2018 - 13:10

    Dopo aver eliminato la Muzychuk negli spareggi rapid della Semifinale del Mondiale Femminile, anche la russa dice la sua sul Mondiale: “non sembra che Carlsen sia al top della forma, ma era così anche contro Karjakin, ed ha vinto. Forse la sua strategia è puntare agli spareggi”.

    • Megalovic
      17 novembre 2018 - 14:50

      wcaru, surclassare un giocatore in una partita non significa poi diventare automaticamente il favorito del match. Anche io penso che, dopo la partita di ieri, le chance di entrambi restino sostanzialmente uguali a quelle dell’altro ieri (nonostante Caruana adesso abbia un nero in meno rispetto all’altro ieri 🙂 ), con Carlsen favorito (65-35) come minimo perché ha dalla sua gli spareggi rapid (75-25), ma non solo per quello (60-40 nel caso dovessero bastare le sei classiche che mancano).

    • Megalovic
      17 novembre 2018 - 15:32

      wcaru, Carlsen pensava di sacrificare il pezzo per 3 pedoni e solo dopo si è accorto che ne avrebbe perso subito uno, ed ha iniziato a preoccuparsi (dichiarazioni post partita). Quindi non si è trattata di una scelta, ma di un errore (almeno nella percezione di Carlsen: “non ho visto Aa3”). Se ne fosse accorto prima, forse non ci sarebbe entrato perché il bianco rischia di perderla una partita del genere. Il tutto partendo, mi ripeto, da una posizione post apertura che avrebbe dovuto dire poco o nulla (Grischuk: mi rifiuto di commentare una posizione del genere, parliamo di altro, almeno finché non dovesse succedere qualcosa, ma perché succeda Caruana dovrebbe giocare davvero male*).

      Poi Carlsen ha “sbagliato” (per modo di dire) concedendo una vittoria “disumana” in una decina di mosse (Grischuk: “in realtà questi matti in 36 del computer in genere significano 10 mosse e il bianco abbandona”. In questo caso, dopo aver guadagnato il pedone h credo in una decina di mosse, la vittoria sarebbe stata effettivamente banale. Grischuk ha usato il termine “trivial”.). In realtà, dal sacrificio in poi, Carlsen ha giocato (umanamente) in maniera magistrale (iniziando dall’idea di cedere il pedone b e non il pedone a, passando per il successivo sacrificio del pedone a al momento giusto e finendo con la costruzione della fortezza con il Re in h7) tanto quanto Caruana. L'”operazione surclassamento” è iniziata più o meno dalla mossa 20 ed è terminata dopo la cessione del pedone b. Il matto in 36 non lo prendo in considerazione in un’analisi “seria” della partita.

      * dando quindi per scontato che
      1. qualcosa poteva succedere solo se uno dei due avesse giocato male, e invece a quanto pare è successo anche perché uno dei due ha iniziato a giocare mosse forti una dietro l’altra (commento di Grischuk oggi sul sito della federazione russa), quasi fosse un computer (Grischuk ieri durante la diretta ha detto che una posizione del genere, più o meno prima di 18…h5, un umano ha buone probabilità di perderla contro un computer nonostante sia quasi imperdibile tra umani)
      2. in quella posizione chi poteva giocare peggio era solo Caruana, e invece è stato Carlsen.

  35. atomico
    17 novembre 2018 - 16:18

    Riguardo al Match a me sembra evidente che quando Caruana diceva: “Uno come Carlsen può essere battuto solo su posizioni complicate perché altrimenti gioca come una macchina senza fare errori”, fosse un chiaro depistaggio.

    Caruana si è reso conto che era impossibile evitare di cadere in posizioni piatte o di finale con Carlsen, e che se voleva sopravvivere doveva diventare fortissimo proprio in quel tipo di posizioni. Quindi Caruana si è allenato sopratutto in posizioni piatte o di finali, in modo da colpire Carlsen dove Carlsen è più forte. Ottenendo un effetto destabilizzante perché è chiaro che nel momento in cui Carlsen si fosse visto improvvisamente superato laddove credeva essere la sua zona di confort, laddove credeva di essere invincibile, laddove mai si sarebbe aspettato di essere a rischio, avrebbe perso ogni certezza, tutto improvvisamente gli sarebbe sembrato meno sicuro.
    Questo è proprio quello che sta succedendo, almeno a mio parere. E ci fa capire che la partita di ieri avrà o potrebbe avere un forte impatto su Carlsen, soprattutto se anche alla prossima partita piatta si troverà lui a giocare per non perdere.
    Se dunque ho ragione, quello che succederà è che Caruana giocherà per creare posizioni piatte e Carlsen innervosito e spaesato che cercherà invece di complicare.

    La strategia di affrontare il rivale laddove egli è più forte è una strategia straordinariamente efficace, ma può funzionare solo se l’altro è colto di sorpresa. Perché è chiaro che per battere Carlsen dove Carlsen è più forte, e quindi su posizioni piatte e di finale, è necessario spingerlo ad allenarsi su posizioni complicate. Da qui capiamo il depistaggio di Caruana. Lui si è allenato come un matto nelle posizioni piatte e di finale sapendo che ciò non sarebbe bastato per superare Carlsen se anche Carlsen si fosse allenato in quel tipo di posizioni. Ma poteva batterlo se lo avesse colto di sorpresa, avendolo fatto preparare per tutto un altro tipo di partite.

  36. Megalovic
    17 novembre 2018 - 18:56

    In ogni caso, per non perdere di vista il quadro generale, va ricordato che Caruana non batte Carlsen da oltre tre anni (Norway Chess, 17 giugno 2015) e da ben 19 partite! Dopodiché sono arrivate 3 vittorie di Carlsen e ben 16 patte.

    Nel periodo migliore della carriera di Carlsen (a suo dire 3-4 anni fa, quindi 2014-15), Caruana e Carlsen invece se le davano di santa ragione ed era la patta ad essere un evento.
    Carlsen 6 vittorie a 3, e solo 4 patte.

  37. Megalovic
    18 novembre 2018 - 10:13

    Mario, ti dovevo una aggiornamento su quanto fosse piaciuta la frase sulla quinta partita che ti ho “rubato” (“il computer non ha rovinato il gioco, ma ha rovinato gli spettatori.Questa partita giocata 20 anni fa sarebbe stata definita fantastica, e invece…..”).

    Approfittando del fatto che, per una migliore fruibilità del sito (soprattutto per tablet e smartphone), avendo questo articolo (5ª-6ª partita) raggiunto quasi 300 commenti abbiamo pubblicato un altro articolo dedicato alla diretta della settima partita, te lo agevolo qui.

    13 Retweet 67 Mi piace, tra i quali 2 GM e 3 MI.

  38. Megalovic
    18 novembre 2018 - 13:17

    Altra bella vignetta di Wada Lupe per chess24.com. questa volta sulla sesta partita. Caruana ha i capelli di Carlsen e viceversa, a rappresentare che nell’occasione i due si sono scambiati gli abituali ruoli visto che è stato Caruana a provare di cavare il sangue da una posizione innocua, e a torturare Carlsen in finale.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.