Scacchierando.it
Carlsen_vince_prima_Rapid_Mondiale_2018

Carlsen quattro volte Campione del Mondo!

Caruana travolto negli spareggi per 3-0! Magnus concede l’onore delle armi: Fabiano il mio avversario più forte

Alla fine, come sempre negli ultimi dieci anni, ha avuto ragione lui! Magnus Carlsen risponde alle critiche per l’offerta di patta nella dodicesima “classica” infliggendo nel Tie-break un secco 3-0 a Caruana! Lo spareggio di gioco veloce del Mondiale 2018 è durato solo fino alla mossa 37 della prima Rapid quando Caruana, sotto pressione per tutta la partita, non ha visto la mossa che pattava (Ta2+ seguita da Rxe4) giocando subito Rxe4, dopodiché Carlsen ha disposto del suo avversario come voleva non lasciandogli la minima occasione per dire la propria nel punteggio del Match Rapid.

Caruana abbandona nella prima, e il match rapid sembra già finito

Caruana abbandona nella prima rapid, e gli spareggi sembrano già finiti! Foto Niki Riga

Magnus Carlsen vince dunque il suo quarto Mondiale agganciando Steinitz, Alekhine, Kasparov e Anand nella classifica dei Mondiali indiscussi vinti. Meglio di lui nella storia, per il momento, solo Botvinnik con cinque e Lasker con sei. Nel frattempo, dopo aver vinto il Mondiale classico, Carlsen si appresta (Mondiali Rapid e Blitz annunciati dalla FIDE per fine dicembre) a tentare l’assalto alla “tripletta” che già gli riuscì nel  2014.

Carlsen_Trofeo_Mondiale_2018

Carlsen alza per la quarta volta il Trofeo di Campione del Mondo! Foto World Chess

Dopo aver risposto senza giri di parole alle critiche dei suoi predecessori (Kasparov e Kramnik) sulla patta nella dodicesima classica (“hanno diritto alle loro stupide opinioni“), in conferenza stampa Carlsen ha riconosciuto la forza del suo avversario definendolo il più forte affrontato sinora nelle classiche di un Match Mondiale. La netta sconfitta nelle Rapid rischia di far passare in secondo piano l’equilibrio nella “fase classica” del Mondiale. In questa porzione del Match, conclusasi con 12 patte, Caruana ha dimostrato di essere alla pari di Carlsen. Lo Sfidante ha infatti avuto più o meno le stesse “occasioni” del Campione del  Mondo, presentatosi preparato in apertura come forse mai prima d’ora. Ad un osservatore può solo restare un minimo dubbio che il perfetto equilibrio nelle classiche possa essere, in parte, dipeso anche dalla sicurezza che Carlsen aveva di vincere gli spareggi di gioco veloce. Restando in tema di spareggi di gioco veloce, anche questa volta il formato del Mondiale “resiste” alle blitz rimandando alla prossima occasione il rischio che, per la prima volta nella storia, siano loro ad assegnare il Titolo di Re degli Scacchi.

Da segnalare infine che nella conferenza stampa finale era presente un cronista de La Repubblica che ha voluto trasmettere a Caruana il tifo degli italiani (articolo di Repubblica).

Cronista di Repubblica: “Tanti russi a seguire l’incontro dal vivo: negli scacchi hanno avuto grandi campioni. E tanti americani: era dai tempi di Bobby Fischer che aspettavano la vittoria di uno di loro. Ma anche nel tuo secondo paese, l’Italia, abbiamo fatto il tifo per te

Risposta di Fabiano: “Spero di non avere deluso i parenti, amici e tifosi che ho sulla penisola. E’ bello rappresentare tante culture”.

Foto in testa all’articolo di Niki Riga, scattata dopo la vittoria di Carlsen nella prima rapid.

Ascolti Scacchierando

La presenza di Caruana nel Mondiale 2018 ha scatenato l’interesse degli appassionati italiani. Il Mondiale 2016 (12 partite e spareggi) è stato “surclassato” sia per commenti (2322 a 781) che per pagine aperte (121.798 a 75.421 considerando solo gli articoli dedicati all’evento). Per quanto riguarda le punte di ascolto, quasi 300 gli utenti collegati contemporaneamente durante gli spareggi rapid!

Screenshot Spareggi

Utenti collegati contemporaneamente durante gli spareggi rapid, con il contributo della scoppiettante Finale del CIA in corso di svolgimento a Salerno

Partite 1-12

Questo articolo è dedicato agli spareggi rapid. Per i commenti ai turni precedenti:

Clicca QUI per l’articolo con i 229 commenti alla dodicesima partita.
Clicca QUI per l’articolo con i 329 commenti alla decima e undicesima partita.
Clicca QUI per l’articolo con i 355 commenti alla settima, ottava e nona partita.
Clicca QUI per l’articolo con i 304 commenti alla quinta e sesta partita.
Clicca QUI per l’articolo con i 307 commenti alla seconda, terza e quarta partita.
Clicca QUI per l’articolo con i 329 commenti alla prima partita e sulla vigilia del Match.
Clicca QUI per l’articolo con i 106 commenti al percorso di avvicinamento al Mondiale.

Tutto il Mondiale Minuto per Minuto

15.56 Quattro minuti all’inizio degli Spareggi che assegneranno la Corona di Campione del Mondo. Sinora Carlsen, nelle “classsiche” come prima mossa ha giocato due volte tutte le tre possibili “serie” (senza offesa per gli altri pedoni) mosse di pedone: e4, d4 e c4. Le posizioni complessivamente migliori sembra le abbia ottenute più con 1.c4 che con 1.d4 (da 1.e4 non ha ottenuto nulla), per cui potrebbe essere questa la prima mossa nella prima rapid.
16.00 si parte con 1.c4 e5
16:05 Carlsen gioca lo “schema” con c4, e4 e fianchetto di Re per dominare il centro il cui controllo, invece, è fondamentale (almeno secondo Carlsen) per il gioco di Caruana. Caruana ha già 4′ in meno di Carlsen sull’orologio (Carlsen 25′ Caruana 21′)
16:15 Caruana prova a minare il centro del bianco dal lato di Donna con le spinte di pedone, ma Carlsen  sacrifica un pedone  per rovinare la struttura pedonale del nero a Ovest e per l’iniziativa (Carlsen 18′ Caruana 19′).
16:18 cambio delle Donne
16:27 Caruana gioca per tenere il pedone in più, ma Carlsen ha l’iniziativa e sembra che il nero debba trovare un po’ di mosse uniche. Adesso per esempio, secondo il Super Motore Sesse solo 19..  Cb7  (Sesse) regge la posizione del nero, che altrimenti rischia di collassare (Carlsen 15′ Caruana 15′)
16:32 Caruana ha capito che il momento è critico e sta pensando da 5′!
16.33 Ma dopo 6′ arriva 19..Cb5? Posizione vicino alla sconfitta secondo Grischuk (chess24.com). Più prudente Svidler.
16:35 Carlsen gioca quasi al colpo la linea del Super Motore fino a 22.Axc4 (Carlsen 13′ Caruana 9′)
16:45 al termine della schermaglia, dopo 9′ (!) Carlsen gioca 24.Axe6+ e sulla scacchiera si concretizza un finale con un pedone in più (2T+A+5p vs 2T+C+4p). Carlsen ha un chiaro vantaggio (Carlsen 4′ Caruana 8′),
16.47 cambi veloci: finale di due Torri con un pedone in più (5 a 4) per Carlsen. Caruana lo può salvare?
17:00 37..Rxe4? Errore di Caruana quando il finale sembrava salvato! 37…Ta2+ seguita da Rxe4 “pattava” la posizione (Svidler e Sesse).
17:05 Carlsen vince la prima! Carlsen-Caruana 1-0
17:10 Dopo Caruana, si arrende anche il “vostro” cronista. Ci abbiamo provato ma scrivere la cronaca in diretta di una Rapid è troppo complicato! Da questo momento, vi aggiorneremo solo con i risultati.
18:05 Caruana crolla e, dopo una svista di Fabiano in posizione inferiore, Carlsen vince in 28 mosse anche la seconda! Carlsen-Caruana 2-0
19:20 Carlsen sempre in controllo nella terza rapid, Caruana forza il finale e perde. Carlsen si conferma Campione dopo aver inflitto una durissima lezione a Caruana negli spareggi rapid: 3-0!

Dirette in italiano

Dalle 21:30 in poi il canale You Tube Unichess trasmette un commento a caldo sulla partita a cura di (a rotazione) GM Danyyil Dvirnyy, GM Roberto Mogranzini, MI Alessio Valsecchi, MI Fabrizio Bellia, MF Maurizio Caposciutti, MF Raffaele Di Paolo, M Augusto Caruso e con lo YouTuber Romualdo Vitale.

Mondiale_2018_UNichess

Regolamento

Il Match è giocato sulle 12 partite, il primo che raggiunge i 6,5 punti è Campione del Mondo. In questa fase le partite sono giocate a cadenza classica: 100′ per le prime 40 mosse, 50′ per le successive 20 e quindi 15′ per terminare, sempre con incremento di 30″ a mossa. E’ vietata la patta d’accordo prima della 30ª mossa. A metà match i colori verranno invertiti per cui chi inizia con il nero avrà il bianco nella 6ª e 7ª partita. Nel caso di parità dopo la fase a cadenza classica, il tie-break è costituito da quattro Rapid con cadenza 25’+10″; in caso di ulteriore parità sono previste due Blitz a cadenza 5’+3″ che se danno luogo ancora a un pareggio portano alla disputa di altre due Blitz e così via fino ad un massimo di cinque mini-match. Alla fine di questa “maratona” a gioco veloce (tutta concentrata eventualmente nella giornata del 28 novembre), è previsto il solito “Armageddon”: il giocatore con i Bianchi dispone di 5 minuti sull’orologio, chi guida i Neri invece gode di soli 4 minuti, per entrambi senza incremento fino alla 60esima mossa, poi tre secondi vengono aggiunti per ogni mossa effettuata; in caso di patta, la partita viene aggiudicata al Nero che diviene quindi Campione del Mondo. Montepremi pari a un milione di Euro: il vincitore intasca il 60% se si impone entro la fase classica, altrimenti il 55%.

Calendario

header

calendario

Sito ufficiale

365 Commenti a “Carlsen quattro volte Campione del Mondo!”

  1. Megalovic
    28 novembre 2018 - 12:24

    chess.com ha fatto calcolare ad un computer le possibilità di vittoria in base ad una simulazione basata sulle prestazioni del passato dei due protagonisti nelle rapid e nelle blitz.

    Carlsen ha il 75,7% di possibilità di vincere gli spareggi, che poi sostanzialmente è la percentuale che viene fuori dalla quote dei bookmakers, dai sondaggi tra gli appassionati e dai giudizi della maggioranza degli addetti ai lavori.

    La possibilità che si arrivi all’Armageddon è dello 0,02% (1 su 5000, la stessa identica quota che una generosa casa inglese dava, prima dell’inizio della stagione 2015-16, all’evento “Leicester vince la Premier League”, comunque più alta, e quindi meno probabile, della quota dell’evento “incontrare vivo Elvis Presley”, 2000 a 1)

    “Sul mio personalissimo cartellino” invece, ho
    Rapid
    Carlsen vince 50%
    Pareggio (2-2) 25%
    Caruana vince 25%

    Blitz (eventuali)
    Carlsen vince 80%
    Caruana vince 20%

    Quindi, esito degli Spareggi
    Carlsen vince 70%
    Caruana vince 30%

    • Megalovic
      28 novembre 2018 - 13:11

      whitehead forse sono stato un po’ ingeneroso nei confronti di Caruana riguardo le sue possibilità nelle Rapid ma ho tenuto conto del fatto che, approssimandosi le possibili Blitz (nelle quali Carlsen ha davvero un grosso vantaggio rispetto a Caruana) Caruana potrebbe, sull’eventuale punteggio di parità, sentirsi “forzato” a giocare in maniera più rischiosa. Un po’ come (secondo Grischuk) fece (sbagliando) Karjakin nel 2016 nella terza partita rapid, sul punteggio di 1-1.

      Secondo Grischuk, invece, l’avvicinarsi alle Blitz aumenterebbe (immagino per la maggiore aleatorietà delle Blitz) la pressione più sul Campione del Mondo per cui la strategia giusta (per lo Sfidante) sarebbe quella di provare a tenere sempre il match in equilibrio, senza rischiare troppo. Il ragionamento però non mi convince del tutto, soprattutto se lo applichiamo a Caruana. Per due motivi. Il primo è che Karjakin nelle blitz è diventato anche Campione del Mondo (tra l’altro proprio nel 2016), quindi forse avrebbe potuto dire la sua in quella cadenza, mentre il divario tra Carlsen e Caruana mi sembra più accentuato. Secondo motivo, perché ho sempre visto Carlsen entrare volentieri nello scenario degli spareggi blitz (spareggi sempre vinti in carriera, dal 2007 in poi). Certo, si trattava “solo” di Super Tornei e non della ben più importante Corona Mondiale, ma Carlsen “ama” le blitz e credo che la prospettiva di arrivarci per lui non sia così spiacevole. Anzi, non è poi così irrealistico immaginare che salterebbe volentieri le Rapid per passare direttamente ai mini-match blitz.

  2. Megalovic
    28 novembre 2018 - 15:31

    Manca poco all’inizio delle rapid e forse è “intempestivo” proporre questo dato.

    Comunque.

    Performance intrinseche (confrontando le singole mosse delle partite con quelle suggerite dai motori) di Carlsen e Caruana durante le classiche, calcolate da Prof. Kenneth Regan (con ampi intervalli di confidenza, e 30-45 punti di differenza significano sostanzialmente, usando le parole dell’autore: “equal level”) . QUI l’articolo

    Carlsen 2880
    Caruana 2850

    Nel 2016 furono
    Carlsen 2830
    Karjakin 2875

    che poi nelle sole rapid diventarono
    Carlsen 2835 (identica, anzi per quel che vale anche un soffio più alta che nelle classiche!!)
    Karjakin 2315 (così bassa anche, ma non solo, per il disperato tentativo di complicare la posizione nella quarta partita, sul punteggio di 1-2)

  3. Megalovic
    28 novembre 2018 - 15:56

    Sinora Carlsen come prima mossa ha giocato due volte tutte le tre possibili “serie” (senza offesa per gli altri pedoni) mosse di pedone: e4, d4, c4

    Le posizioni complessivamente migliori mi sembra le abbia ottenute più con 1.c4 che con 1.d4 (da 1.e4 non ha ottenuto nulla), per cui credo potrebbe essere questa la prima mossa. Seconda in classifica comunque 1.d4

  4. Delfinik
    28 novembre 2018 - 15:59

    Sarò l’unico… ma io sono abbastanza contento del mondiale e del suo formato.
    Certo Magnus non ha premuto troppo con il B, ma è anche nel suo stile, e dopo tutto spettava a Fabiano muovere le acque anche col nero, almeno con l’approssimarsi della possibilità degli spareggi (è proprio necessario giocare la russa se si vuole vincere col nero?). Le siciliane sono state molto interessanti, e combattute, e a me sembra che siano state complessivamente molto soddisfacenti per Magnus che, evidentemente, ha ritenuto che Fabiano, nonostante le origini sicule, e la rinomata preparazione in apertura, non riuscisse a esprimersi al meglio contro l’impianto, ed è rimasto fermo sulla sua posizione (deviando per primo solo nell’ultima partita), talora rischiando (..g5 non si vede spesso nella Sveshnikov) e ottenendo più volte chance di vittoria.
    Giunti a questo punto, invece, io ora sono molto elettrizzato alla idea delle rapid: se vincerà, come da pronostico Carlsen, ritengo che se uno è primo nel rating degli scacchi classici, rapidi e lampo sia un degno campione del mondo assoluto (come diceva giustamente Maelstrom questo non è il mondiale degli scacchi classici bensì il mondiale assoluto). Se, a sorpresa, prevarrà lo sfidante, significherà che lo stakanovista Caruana ha pensato bene di prepararsi e allenarsi anche per questa evenienza, che l’equilibrio degli ultimi scontri rapid tra i due era più significativo del rating, e che Magnus ha sbagliato tutti i suoi calcoli (cosa grave per uno scacchista), e quindi Fabiano sarà meritatamente campione del mondo. Se poi l’ equilibrio dovesse invece protrarsi ulteriormente. Allora che sia blitz! E’ evidente che scenderà il livello tecnico e aumenterà il peso dell’elemento agonistico-psicologico ma penso che comunque, gli scacchi che i due riusciranno a esprimere, possano essere senz’altro di “buon” livello (anche se qualcuno, come Caruana, è “solo” un 2767). Comunque, anche se potrà scapparci lo svarione, scacchisticamente mi divertirò senz’altro di più così, che con l’assegnazione d’ufficio della riconferma al campione, del lancio della monetina…. o della gara di karaoke (quest’ultima sì, effettivamente, aperta a ogni raccapricciante scenario!)!

  5. Megalovic
    28 novembre 2018 - 17:19

    Secondo Svidler (ed il Super motore che sentenzia 0.00) 37…Ta2+ seguita da Rxe4, e non 37..Rxe4? pattava subito la posizione.

    Dopo 37..Rxe4 partita persa. +155 per Sesse 😀

  6. Megalovic
    28 novembre 2018 - 17:25

    Su chess24, Svidler sta già discutendo della possibilità che il match termini dopo tre partite (in caso di 2,5-0,5 o di 3-0).

  7. Megalovic
    28 novembre 2018 - 17:48

    20.c5 di Caruana, se non sai cosa giocare dopo la risposta “naturale” 0-0, suona come una mossa di chi non ha retto la “botta” della prima partita. O di chi pensa che solo pareggiando subito i conti si possono avere ancora delle speranze? Vedremo!

  8. Maelstrom
    28 novembre 2018 - 18:41

    L’unica certezza è che Sandinista non ha retto questo epilogo…

  9. Megalovic
    28 novembre 2018 - 18:46

    Caruana sta provando a tenere in vita il mondiale, senza però lanciarsi in azioni spericolate ma cercando di “tenere viva” la posizione, ma dopo 23 mosse Carlsen è in completo controllo della posizione!

  10. Megalovic
    28 novembre 2018 - 18:57

    Qualche piccola scaramuccia, ma con il cambio delle quattro torri sulla colonna d iniziano le semplificazioni, e diminuiscono le possibilità di portare il match alla quarta partita rapid

  11. Megalovic
    28 novembre 2018 - 18:59

    La posizione è talmente in controllo, che forse Carlsen sta già pensando alla possibile “tripletta” di cui andrà a caccia nei mondiali blitz e rapid di dicembre 😀

    • Megalovic
      28 novembre 2018 - 19:04

      si, per trovare la parità.

      Comunque hai ragione. La posizione è ancora viva. Mi sembrava che il bianco volendo potesse tranquillamente giocare per pattare cambiando tutto. Invece resta anche uno squilibrio di pezzi leggeri (Cavallo contro Alfiere)

  12. Megalovic
    28 novembre 2018 - 19:14

    Questo mi sembra il finale che se il nero gioca per vincere, lo può solo perdere (a meno di ovviamente di sviste del bianco).

    pedoni passati del bianco sostenuti dall’alfiere e dalla donna, arrivano subito.

    • MrChessProjects
      28 novembre 2018 - 19:44

      Ma non era certo una strategia di partenza…è stata invece la naturale evoluzione di un match fra due giocatori di forza molto simile che si sfidavano su sole 12 partite (ovvero 6 col bianco).

  13. Angelmann
    28 novembre 2018 - 20:19

    Sinceramente, mi aspettavo che Carlsen vincesse già nelle 12 partite a tempo normale.
    Caruana ha però dimostrato sulla scacchiera che i risultati e l’Elo del recente periodo non erano casuali, ha compiuto uno step verso una solidità e una precisione maggiori rispetto a uno o due anni fa, nel contempo gestendo meglio il tempo (o meglio, mantenendo il suo livello di profondità di gioco senza andare in zeitnot).
    Ha sicuramente preoccupato Carlsen, in questo senso il match è diverso da quello con Karjakin, nonostante il russo fosse andato in vantaggio.
    Le rapid hanno confermato quello che si sapeva, Carlsen ha una “sensibilità” scacchistica straordinaria (da cui paragoni con Capablanca e Karpov), che lo guida magnificamente anche nel gioco veloce, Caruana ha bisogno di calcolare, con una disciplina mentale che mi sembra a sua volta eccezionale. Dubito abbia grandi margini per migliorare nel gioco veloce e comunque non sarà mai come Carlsen e altri top “fulminei”… Ma difficilmente altri possono essere come Caruana, con una volontà e una abnegazione (se riuscirà a mantenerle) eccezionali. “Gli scacchi richiedono una dedizione assoluta” (Fischer) “…E questo è il loro limite…” (Angelmann 🙂 )
    Un pizzico di delusione ci sarà ma dubito che Fabiano possa considerare questo match un insuccesso. Tante motivazioni per continuare e riprovarci, in fondo non ha perso nelle 12 “classiche” e se fra due anni riuscisse a ripresentarsi davanti a Carlsen…

    Un match di livello stellare, quasi tra due software…

  14. Megalovic
    28 novembre 2018 - 21:47

    Secondo Kasparov, la costanza del livello di gioco di Carlsen nelle rapid è fenomenale. “Noi tutti (si, anche The GOAT ammette di essere inferiore in questo) giochiamo peggio man mano che giochiamo più velocemente, ma la sua percentuale (che perde) è forse la più piccola di sempre, forse perde solo il 15%. Un grande vantaggio in questo formato.”

    @Kasparov63
    4 h4 ore fa
    Altro
    Carlsen’s consistent level of play in rapid chess is phenomenal. We all play worse as we play faster and faster, but his ratio may be the smallest ever, perhaps only a 15% drop off. Huge advantage in this format.

  15. Megalovic
    28 novembre 2018 - 22:05

    Carlsen: sono molto felice per l’esito del match, ma non penso che abbiamo visto Fabiano per l’ultima volta in questo contesto”

    “I’m very happy with how the match ended but I don’t think we’ve seen the last from Fabiano in this context!”

    Se non ricordo male, lo disse anche di Anand nel 2013. Allora la frase non fu presa davvero sul serio, nel senso che molti la interpretarono come un voler rendere onore al “vecchio” Campione sconfitto. E invece ..

  16. Megalovic
    29 novembre 2018 - 13:37

    Carlsen è un Numero Uno al Mondo nelle specialità Standard, Rapid e Blitz. Solo questa evidenza è sufficiente per dire che il tentativo di respingere l’assalto dei tempi moderni (che “chiedono” tempi di riflessione più brevi) non può essere suffragato con paragoni con i 100 metri, con i 1500 metri e con la Maratona, almeno finché qualcuno non riesca a vincere nella stessa Olimpiade l’Oro in queste tre diverse specialità.

    Mi sembra però legittimo chiedere che i Mondiali di scacchi Standard, Rapid e Blitz vengano decisi solo da partite Standard, Rapid e Blitz, così come le Coppa di Specialità dello Slalom, del Gigante e del Super G vengono assegnate solo con gare di Slalom, Gigante e Super G (nello sci, alcuni atleti sono riusciti ad eccellere contemporaneamente in tutte e tre le specialità*).

    Nel caso specifico di Carlsen Campione del Mondo classico, poi, il fatto che il formato preveda le Rapid come spareggio del Mondiale Classico sembra essersi tradotto in uno “spreco” di talento (“classico” di Carlsen) e in un “peccato” per gli scacchi classici. Difficile spiegare, infatti, come Magnus abbia vinto solo *una* delle ultime 24 partite classiche di un Match Mondiale “classico”, se non con la consapevolezza di essere nettamente avvantaggiato dagli spareggi Rapid. E guarda caso, l’unica partita vinta dal norvegese è arrivata (quasi) subito dopo l’unica partita persa.

    * che dite, alla fine siamo riusciti a trovare un paragone decente con un’altra disciplina sportiva? 😀

  17. Maelstrom
    29 novembre 2018 - 14:58

    ” ed anzi, è scappato dalla pugna, per paura dell’avversario.
    stop.” Certo. Infatti in posizione superiore ha proposto patta, per non prendersi il minimo rischio, sapendo di essere talmente superiore dopo che era meglio giocare 4 partite dalla posizione di partenza rapid che un finale forse vinto. Ed il bello che ha avuto ragione mentre anche altri insigni commentatori dicevano “cedimento di nervi”. Qua siamo onesti, grande preparazione nelle classiche ma lo scacchista più forte è Carlsen, indiscutibilmente e di brutto. E non è un discorso di opinioni, c’è un cappotto sul foglio dei risultati scritto.

    • MrChessProjects
      30 novembre 2018 - 00:52

      Mi spieghi come fa ad esserci un cappotto se il match si è concluso 6 a 6 e la borsa è stata equamente divisa ? Carlsen ha dimostrato di essere più forte rapid, cosa che peraltro si sapeva già, non più forte a cadenza classica. Ed il match mondiale si gioca a cadenza classica…le altre due cadenze si usano solo in caso di arrivo in parità e non è neppure sempre stato così. In passato esistevano altre formule. E se chiiedessimo a Bronstein se avesse preferito questa formula invece che quella in uso al tempo di Botvinnik, cosa pensi risponderebbe ? Il patriarca è stato 4 volte campione del mondo e lampo era così forte da averne giocata una in tutta la sua vita (in viaggio su un treno).

  18. Megalovic
    29 novembre 2018 - 15:45

    Comunque, dopo questa lunga discussione, mi sto convincendo sempre di più che l’unica alternativa concreta per evitare che un Mondiale sia deciso con delle Rapid sia, senza ripescare i formati del passato ritenuti troppo favorevoli al Campione, prevedere che in caso di pareggio dopo X partite si giochi una X+1esima partita classica “pura” (niente Armageddon classica), nella quale lo sfidante ha il bianco, e il Campione resta Campione con la patta.

    Anche se la migliore, dal punto di vista dell’effetto sulle partite precedenti, sarebbe una X+1esima partita classica, nella quale però il colore venga sorteggiato solo dopo l’eventuale pareggio nel match, in modo che i contendenti giochino le X partite del Match con un “velo d’ignoranza” su quale sarebbe la loro “posizione” nell’eventuale X+1esima (bianco e 1 risultato utile o nero e 2 risultati utili).

  19. Megalovic
    29 novembre 2018 - 16:11

    Interessante osservazione, gattorandagio. In effetti Karjakin è stato Campione del Mondo “virtuale” per un paio di partite del Match, avendo vinto l’ottava e perso la decima. (Rispetto ad Anand invece credo che obiettivamente Caruana abbia fatto decisamente meglio, visto che l’indiano è stato sempre o pari o sotto Carlsen, mai sopra, e per di più è stato battuto entrambe le volte in “anticipo”, mentre Caruana non è stato mai sopra, ma nemmeno è andato sotto durante le classiche).

    Ne approfitto per segnalare questo tweet di Vitiugov, che ritiene sia giusto ammirare Karjakin e la sua costosa prestazione del Mondiale 2016 (secondo alcune voci la preparazione di Karjakin sarebbe costata quasi quanto la borsa Mondiale, e la cosa da alcuni fu criticata all’epoca). Secondo il russo, solo oggi si può stimare correttamente quanto Karjakin sia arrivato vicino a detronizzare Carlsen, mentre il Mondiale 2018, nonostante i suoi “su e giù”, non è sembrato così “fuori controllo”.

    Nikita Vitiugov
    @N_Vitiugov
    16 h16 ore fa
    Altro
    Now it is time to admire @SergeyKaryakin and his expensive preparation to New-York match (it was worth it!) Only today we can estimate properly, how close he came to dethrone @MagnusCarlsen. Despite ups and downs in London, this match didn’t seem so uncontrolled. #CarlsenCaruana

  20. Megalovic
    29 novembre 2018 - 16:36

    gattorandagio, aggiungo che Carlsen dopo il Match del 2016 dichiarò di essere stato, ad un certo punto della sfida, in un “dark place”. Forse con Caruana non c’è mai stato

    Per come la vedo io.

    Contro Karjakin,
    Carlsen alla fin fine, concretamente, ha rischiato di perdere il Mondiale più che contro Caruana.

    Contro Caruana
    Carlsen durante le classiche ha avuto più o meno le stesse “occasioni” di Caruana mentre nel Mondiale 2016 Carlsen ebbe più “occasioni” di Karjakin.

    In tutto questo, e qui concordo con Capsula23, va considerato che Carlsen mi è sembrato più in forma, e aggiungo molto più “preparato”, nel Mondiale con Caruana. L’impressione è che lo temesse, alla vigilia, più di Karjakin.

    Per fare un paragone con un altro sport, nei 90 regolamentari e supplementari

    Carlsen-Karjakin (alla vigilia: Carlsen grande favorito contro un Karjakin di difesa e contropiede)
    Carlsen ha avuto un paio di nitide palle gol nel primo tempo (posizione “vinte” nelle partite 3 e 4), ma poi nel secondo tempo ha preso gol in contropiede (partita 8 in cui Carlsen forzò “senza giustificazione” una posizione pari) e alla fine si è “salvato” pareggiando grazie a un mezzo pasticcio dell’avversario (Karjakin non ha visto che Cxf2 nella decima pareggiava la partita). Poi i due hanno atteso i supplementari nei quali Karjakin ha fatto un paratone nel primo tempo (seconda rapid), ma Carlsen ha poi dilagato nel secondo tempo.

    Carlsen-Caruana (alla vigilia: Carlsen favorito, contro un Caruana che non è un catenacciario e se la vuole, e quando è in vena può, giocare alla pari e a viso aperto)
    la partita è arrivata al 90° sullo 0-0, ma i due hanno avuto lo stesso numero di occasioni da gol. Poi Carlsen ha dilagato sin da subito nei supplementari.

  21. Megalovic
    29 novembre 2018 - 17:19

    Ieri un cronista di Repubblica era presente alla conferenza stampa finale ed ha voluto trasmettere a Caruana il tifo degli italiani (articolo di Repubblica).

    Cronista di Repubblica: “Tanti russi a seguire l’incontro dal vivo: negli scacchi hanno avuto grandi campioni. E tanti americani: era dai tempi di Bobby Fischer che aspettavano la vittoria di uno di loro. Ma anche nel tuo secondo paese, l’Italia, abbiamo fatto il tifo per te”

    Risposta di Fabiano: “Spero di non avere deluso i parenti, amici e tifosi che ho sulla penisola. E’ bello rappresentare tante culture”.

  22. Megalovic
    29 novembre 2018 - 17:50

    557.000 norvegesi hanno seguito gli spareggi rapid di ieri sulla tv di stato norvegese!

    II match ha avuto una media 289.000 spettatori, la più alta dei quattro Match Mondiale giocati da Carlsen.

    In totale 3 milioni di norvegesi si sono collegati almeno una volta per vedere il Mondiale.

    Considerando il numero degli abitanti della norvegia (5,3 milioni) è come se in Italia un Mondiale di scacchi, con un italiano battente bandiera italiana già Campione del Mondo, fosse trasmesso sulla Rai in diretta (per l’intera durata di tutte la partite!) e avesse

    6 milioni di spettatori durante gli spareggi
    3 milioni di spettatori di media
    35 milioni di persone che si collegano almeno una volta

    Sono numeri possibili secondo voi?
    (secondo me, c’é proprio il rischio che il Mondiale non verrebbe trasmesso dalla RAI, almeno minuto per minuto.)

    Tarjei J. Svensen
    @TarjeiJS
    Following Stai seguendo @TarjeiJS
    Altro
    NRK broke all previous records with their #CarlsenCaruana broadcast: 557,000 Norwegians watched the final TB (avg 517K). Average for the whole match is 289,000, higher than 2013, 2014 and 2016. AND: A total of 3 million have watched parts of the broadcast!

  23. Angelmann
    30 novembre 2018 - 13:23

    Sono d’accordo con i vari interventi che sottolineano quanto il tempo a disposizione cambi l’approccio al gioco, rendendo discutibili spareggi con tempi ridotti (sempre di scacchi si tratta, specialmente limitandosi al rapid, ma è obiettivamente un’altra specialità).
    Vi è anche una grande differenza tra i diversi tempi possibili per una partita “normale”, “classica”, “a tempo lungo” che dir si voglia, da quello utilizzato al mondiale, che è il più lungo tra quelli normalmente sperimentati (di fatto 180 minuti per 60 mosse, 3 minuti a mossa), al minimo del 90 + 30 (120 minuti per 60 mosse, 2 minuti a mossa). Con i soli due minuti a mossa considero probabile che sarebbe stato difficile, per Caruana in particolare, mantenere il fantastico livello di gioco dimostrato.
    Non è un caso però che il match mondiale si svolga con questa cadenza, nella ricerca di un gioco del massimo livello possibile, aspetto che ha un suo preciso valore nel confrontarsi con la complessità, tempo per esprimere al meglio possibile le capacità umane.

    Altro aspetto quello della eccezionale preparazione in apertura dimostrata da entrambi. Si conferma che non è possibile a gioco corretto trarre vantaggi significativi dall’apertura, come ovvio. Quello che probabilmente si può cercare dalle aperture è arrivare a un equilibrio particolarmente complesso, sbilanciato, in cui i margini di errore siano maggiori. Nel corso del match questo è avvenuto molte volte, la colpa di Carlsen e Caruana è stata quella di giocare bene anche in queste situazioni.

    Personalmente penso che non si debba rinunciare al match per il titolo mondiale, come da tradizione scacchistica e per l’interesse maggiore che il duello finale sa attrarre. Un torneo è comunque un’altra cosa, meno “obiettivo” nel risultato finale e tutto sommato meno affascinante.
    Per la formula annoterei come molti abbiano considerato che in fondo in 12 partite Fabiano non sia riuscito a battere il campione del mondo. Aumenterei il numero di partite, a 20 o almeno a 16, ma resterei nella storia degli scacchi, in caso di parità il campione conserva il titolo.

    Per il titolo mondiale rapid e blitz ci sono le gare apposite, magari da migliorare (il rapid in particolare).
    Sarebbe ancora più interessante un mondiale 960 ben fatto (capace di attrarre i migliori giocatori, quindi con soldi), e lì forse, senza l’ombrello della teoria delle aperture, potremmo vedere qualche partita più bella / spettacolare, ovviamente meno corretta a guardare le valutazioni dei software. In ogni caso, il tempo delle immortali o dei sacrifici “alla Tal”, sembra appartenere al passato. La bellezza di una magnifica partita sta egualmente tutta lì, dipende dagli occhi di chi guarda.

  24. Megalovic
    30 novembre 2018 - 13:29

    Proposta di Karjakin per riformare il match Mondiale, non molto dissimile da alcune qui proposte durante la discussione su una possibile riforma.

    QUI l’articolo di Scacchierando dedicato alla proposta del Vice-Campione del Mondo 2016-17

  25. Maelstrom
    30 novembre 2018 - 15:36

    Il match per me deve rimanere come atto finale, i tornei, elo ecc si usano prima per arrivare al match.In quasi tutti gli altri sport c’è una competizione tra più squadre, ma chi vince i mondiali non viene considerato il più forte di tutti, ma il più in forma e forte in quel mese (Italia 2006 esempio prestazione oltre la norma pur essendo fortissima di base, anche la Germania 2014, poi magari dopo 2 mesi perdi in amichevole contro squadre inferiori). A scacchi si parla di regno di campione del mondo, vogliamo una cosa il più oggettivo possibile.

    Il torneo tra i migliori giocatori uniformerebbe invece il discorso al calcio per esempio, il campione del mondo sarebbe il più forte in quel torneo e in quel tempo (infatti Carlsen vince molti tornei ma non tutti, ma per ora ha vinto tutti i match che ha giocato).

    Il motivo è semplice e ve lo spiego con un’altra analogia. Anni fa avevo prodotto una skin web per fantacalcio manager, la maelstromMix (un modo per gestire la propria lega di fantacalcio via web).
    Avevo implementato tra le varie cose una sezione che si chiamava “Se avessi avuto…” . In pratica calcolava la classifica di tutte le squadre se avessero avuto il calendario di tutte le altre, calcolando poi anche il fantaculo e la fantasfiga. Tu potevi fare 3 gol tutte le domeniche, mentre le altre 1 gol a partita massimo tranne 2 partite a campionato dove ne facevano 4. Hai la squadra più forte, sei il migliore, ma se le partite da 4 gol sono tutte quelle contro di te finisci ultimo a zero punti.
    In un torneo è uguale, dipendi anche dai risultati degli altri e dalle over prestazioni o under prestazioni degli altri contro di te e contro gli altri.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.