Scacchierando.it
kasparov triste

E il terzo più grande scacchista di sempre?

Kasparov si conferma imbattibile per Karpov: 142 – 43 e “Leone di Bronzo”

UPDATE

Qui sopra potete ammirare un Kasparov felicissimo di questo 3° posto: è talmente senza parole che persino lo sfondo non ha nulla da dire… Ha sconfitto, gli fa sempre piacere, Karpov in questa semifinale senza storia, ma certamente non è mai stata persona in grado di accontentarsi del gradino più basso del podio, non potrebbe esserlo quando si parla di GOAT. Le vittorie contro Smyslov (72%) e  Spassky (88%) sembravano stare tracciando la sua solita marcia da bulldozer verso la cima, ma si è dovuto arrendere (49%) a Robert James Fischer. Di poco, ma non credo lo consoli. Resta, curiosità, il più votato: ha incassato 924 voti nei 4 sondaggi, a fronte dei 923 di Fischer, ma non credo questo neppure lo consoli.


GOAT? Non possiamo che lasciargli la parola a riguardo!

Non è stato in discussione neppure il “Leone di Bronzo – Gran Premio speciale della Giuria dei commentatori di Scacchierando” che l’Orco di Baku incassa con un netto 13 a 6, premio che mi accingo a consegnare:

Kasparov leone bronzo

Kasparov esce un po’ ammaccato da questa competizione, ma un leone di bronzo è pur sempre un leone di bronzo!

Resta, in generale e almeno a me, il dispiacere di non aver potuto “vedere”, neppure stavolta, il (o almeno “un“) match Fischer – Karpov, che avrebbe promesso scintille, ma così voi avete deciso. E io chi sono per lamentarmi? 🙂

fischer karpov chessmastery via pinterest

Fischer e Karpov in una “rara immagine di archivio”


E, niente, sono entrato in redazione e Mega che era lì (Mega è sempre in redazione) mi fa “Pensi tu al sondaggio per il 3° posto?” E io gli rispondo “Boh? Sì? Come mai l’onore? Li hai scritti tutti tu” E lui, giuro, “È che ho pensato che i lettori più appassionati e ferrati siano abituati ad associarti a quelli che non arrivano primi“. L’ho guardato perplesso e vagamente ostile. “Nel senso, intendevo, per quei tuoi articoli nella Sala della Gloria, sai…

Ah. Appurato quindi che non mi stava trollando, e dimenticandomi per un secondo che dopotutto è pur sempre il sottoscritto che consegna gli Oscar, mi sono messo al lavoro. Ma non ho capito bene cosa si aspetti: su questi due potrei tirare fuori aneddoti per un’ora di lettura, ma 1) è una cosa che potreste fare anche voi, sono questi due dopotutto (potreste, e sicuramente lo farete nei commenti) 2) qualsiasi cosa di innocente io possa scrivere, fosse anche solo il piatto preferito, potrebbe in qualche maniera influenzare qualche indeciso e, non ultimo, 3) la sensazione è che voi siate qui per il sangue non per l’aneddotica.

karpov kasparov 1984 chessgames

Durante la sfida del 1984

(chessgames)

Quindi, semplicemente, eccoli qui: si presentano sul 28 a 21 (con 121 patte) e 4 sfide mondiali (4 e mezzo? 5? 4+1? Capite che qui si rischia di esprimere automaticamente opinioni anche solo dando cifre?), delle quali conosciamo praticamente tutto: la rivalità scacchistica. Forse non deve sorprendere sia finita con il rinnovarsi anche in questa nostra occasione! Caissa li vuole contro 😉

karpov kasparov reuters

Valencia 2009: non ne avevano ancora abbastanza!

(reuters.it)

Pronti via, conoscete le regole: si vota per tutto il 15 e il 16. Prosegue la sfida infinita: Kasparov confermerà la sua imbattibilità o Karpov riuscirà a togliersi la soddisfazione di far stare sotto al podio la sua nemesi? A voi deciderlo!

Sondaggio


survey hosting

Voto palese attraverso commento nell’articolo

Anche qui nel “basso del podio” naturalmente abbiamo il diritto di assegnare il “Leone di Bronzo – Gran Premio speciale della Giuria dei commentatori di Scacchierando“: votate quindi come preferite, ma ricordate che chi lo fa, anche, nei commenti ha la possibilità di potersi vantare al Circolo di aver assegnato un premio Scacchierando in più. E magari diverso 😉

Aggiornato alle ore 21:52 del 16 giugno

Karpov – Kasparov* 6-13

* in caso di parità vince Kasparov per aver ottenuto per primo il decimo voto nei commenti a questo articolo.

 

Tabellone

Ottavi Quarti Semifinali Semifinali Quarti Ottavi
Carlsen Botvinnik
Euwe Carlsen 91% Capablanca* 50% Capablanca
Lasker Lasker 65% Carlsen 53% Fischer 68% Fischer 60% Anand
Petrosian Fischer
Alekhine Spassky
Tal Alekhine 59% Karpov 56% Kasparov 88% Spassky 50,1% Steinitz
Karpov Karpov 79% Kasparov 72% Kasparov
Kramnik Smyslov
Finale
Carlsen 54% Fischer 51%
Vincitore
Fischer 61%
Finale 3° – 4° posto
Karpov Kasparov
Terzo Classificato
Kasparov 77%

 

Articolo di presentazione

Ottavi di Finale, parte alta del Tabellone

Ottavi di Finale, parte bassa del Tabellone

Ottavi di Finale, Spareggio Botvinnik-Capablanca

Quarti di Finale, parte alta del Tabellone

Quarti di Finale, parte bassa del Tabellone

Semifinali, parte alta del Tabellone (sondaggio annullato)

Semifinali, parte alta del Tabellone

Semifinali, parta bassa del Tabellone

Finale 1°-2° posto

47 Commenti a “E il terzo più grande scacchista di sempre?”

  1. Megalovic
    15 giugno 2020 - 00:32

    Voto Garry Kasparov.

    I Match Mondiali vinti da Karpov sono i primi che ho seguito, ma 4-0 è 4-0!

  2. Darkstorm
    15 giugno 2020 - 15:54

    Voto Kasparov.

    Ricordo come di là:

    Anche Kasparov ha smesso nel 2004, senza giocare i mondiali o i candidati 2005, 20006, 2007.
    Ha smesso “dopo aver passato la mano in casa” ad un altro russo cresciuto con lui, piuttosto che ad altri.
    Ha smesso nel cambio era. Ha vissuto un’epoca dove poteva trovare novità col suo team e queste permanevano per tempo. Nel 2004 i motori iniziavano ad essere forti e i database sempre piu presenti.
    Ciò non toglie che come Fischer sarebbe tranquillamente potuto andare avanti altri 5-10 anni.
    Ma come Fischer anche lui la sua opera l’ha compiuta e l’ha affissa al muro.
    Certo sarebbe stato bello vederlo giocare anche i 4 mondiali dal 2005-2008.

    Un periodo in cui è sgorgato oro anche per Topalov, Kramnik, Anand con merito e tanti titoli mondiali, in assenza di due n.1 come Kasparov e Carlsen.

    Personalmente parlando, ritengo che i campioni di oggi dello sport, scacchi incluso, fanno poco per cercare di dare lustro e notorietà al personaggio proprio e allo scacchismo al di fuori dei loro confini e con gli appassionati. Concentrati sulle loro gare nella loro sede e basta. Certo non si risparmiano a giocare in ogni dove.

    Credo che questo sia una pecca, ed anche una grossa perdita per loro stessi che di certo ne guadagnerebbero sotto ogni profilo, sia personale di soddisfazioni sia di risultati e visibilità. Vale per Carlsen come per Caruana e gli altri. Sono lì in cima, sfruttino maggiormente la loro posizione per girare il mondo, coprire tanti palcoscenici, darsi a qualche iniziativa diversa, farsi abbracciare dalla folla nei 5 continenti quando hanno qualche momento di pausa.

    Kasparov poteva fare di più ma comunque ha fatto tantissimo. Sfidare il computer IBM, creare una federazione mondiale PCA con tutti i suoi però, tentare le elezioni russe, sono un plus che dimostrano la sua voglia di essere campione e di dare a se stesso e agli scacchi il più possibile.

  3. Darkstorm
    15 giugno 2020 - 17:00

    Ale Ho appena ritrovato la mia foto 2007 con kasparov e la cartolina che mandai a web e riviste. che emozione :D. Anche i video di 2 vecchi canali scacchierando e club.
    Fortuna che conservo tutto o quasi.

  4. Darkstorm
    15 giugno 2020 - 17:22

    A memoria ricordo che la facevano loro al negozio a tutti.
    Poi bisognava richiederla per email.

    Io fortunatamente oltre allo stampato o anche il digitale foto + diario perchè
    conservavo la cartolina inviata a web e riviste che poco fa ho ritrovato.

    ciao!

  5. Darkstorm
    16 giugno 2020 - 18:50

    Su Karpov:

    ” La biografia di Anatoly Karpov inizia a Zlatoust, una città degli urali nella quale il futuro campione nacque il 23 Maggio del 1951, in una famiglia della classe operaia. Il padre e la madre di Anatolj si incontrarono in uno stabilimento per la costruzione delle macchine. Anatolj aveva una sorella maggiore di 7 anni di nome Larisa. Le condizioni di vita della famiglia lasciavano molto a desiderare: vivevano in un appartamento comune con altre 5 famiglie, ognuna delle quali possedeva 1 sola stanza.

    Il padre di Anatolj amava molto il gioco degli scacchi e già all’età di 4 anni prese dal padre la passione per questo gioco. A 6 anni lo iscrisse in un club dove il piccolo era già un serio concorrente per gli altri giocatori. A 10 anni divenne campione regionale della sua fascia d’età”

    ….

    Tra i riconoscimenti ricevuti:

    – 1981 premio dell’Ordine di Lenin, per gli eccezionali risultati sportivi, Urss
    – 2001 premio dell’Ordine per i servizi per la Patria, Russia
    – 2006 premio dell’Ordine di 2° Grado dell’Ucraina
    – 2011 premio dell’Ordine dell’amicizia
    – Vicepresidente Federazione Russa
    – Ambasciatore Unicef

  6. Darkstorm
    16 giugno 2020 - 19:42

    Io ho un cimelio unico di quel match interminabile 1984 tra Kasparov e Karpov, ufficiale, fide.
    Lo conservo con cura 😀

  7. Megalovic
    16 giugno 2020 - 21:46

    Karpov ha avuto la “sfortuna” di giocare un sondaggio con un avversario che la storia ha messo effettivamente sulla sua strada, e quindi c’era poco da discutere su chi fosse il più forte, anche se di pochissimo, ma costantemente. Se il pochissimo è storicamente dimostrato, alla fine l’80% delle persone vota l’altro anche se pensa che la differenza sia minima. Se il sondaggio fosse stato a “voti”, magari vinceva Kasparov 9,75/10 a 9,5.

    Se non sbaglio è l’unico caso. Tutti gli altri sondaggi erano tra giocatori che non si sono mai affrontanti in un mondiale, o per un numero significativo di partite, per cui ci si poteva sbizzarrire con le “opinioni”.

  8. Megalovic
    17 giugno 2020 - 02:42

    Linares 2005 non lo consideriamo? Per Kasparov dico. C’erano Anand, Topalov e Leko, all’epoca 2-3-4 delle classifiche Mondiali, vinto con un turno di anticipo. Poi perde l’ultima con Topalov e si ritira.

    Io vorrei solo far notare che si è ritirato da Numero Uno al Mondo, dopo essere stato per 20 (!) anni Numero Uno al Mondo, e dopo aver guadagnato punti Elo nell’ultimo torneo disputato, punti che gli fecero prendere un po’ di “respiro” salendo da 2804 a 2812, altrimenti rischiava di scendere sotto i 2800, e per lui sarebbe stata una sensazione che non provava dal 1997 🙂

    In ogni caso stiamo parlando di Messi e di CR7. Entrambi avrebbero vinto 10 palloni d’oro, se non si fossero incrociati come raramente capita nella storia.

    Comunque, è stato un periodo fortunato, per gli appassionati come noi, quello delle sfide K-K. Secondo me, dopo di loro, non ci sono state più convivenze tra Grandissimi (Top-8) di sempre. Anche perché, dopo di loro, ce n’è stato (c’è) uno solo.

  9. Darkstorm
    17 giugno 2020 - 21:58

    Osservando i fatti troviamo da una parte

    Carlsen che vince Mondiali dandone 3 a cadenza lunga o cadenza rapid agli avversari.
    Più tutti i supertornei, i mondiali blitz e rapid, i tornei online.
    Manca il torneo di flipper, di subbuteo e di canasta.

    Dall’altra troviamo gli avversari che attendono di arrivare in fondo in parità, magari agli spareggi, e poi perdere. Apparentemente contenti. A parte Anand che trovò la grinta di riproporsi subito quando nessuno ci pensava per poi prenderne con orgoglio altri 3. D’altronde come disse in conferenza stampa alla giornalista russa: cosa credi che stessi li a pensare, cosa mangiare a cena? 😀

    Ora io non so chi attende chi. Ma se sanno che alla fine perderanno mi pare che l’attesa degli avversari, non di Carlsen, lasci un po’ a desiderare. 😀

    Non vorrei che facessero la fine di DelPiero, che pretese di giocare titolare 5-8 anni in più del dovuto quando Capello già aveva mostrato la strada giusta facendo bene e migliorando la rosa anno dopo anno: ovvero non vorrei che son contenti di mostrarsi in tv :D, perdere, e poi felici scambiarsi la maglia a fine partita.

    Io avrei preferito Messi, Iniesta e Suarez, con qualche sorriso in meno, e un po’ di Uliveto in meno 😀

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.