Scacchierando.it
Campioni_del_Mondo_16

Chi è il più grande scacchista di sempre?

Ottavi, parte bassa Tabellone: passano Kasparov Fischer Spassky e, dopo 416 voti, pareggio Botvinnik-Capablanca!!

Dalle ore 00:01 del 3 giugno alle ore 23:59 del 4 giugno Vota i sondaggi dei seguenti Ottavi di Finale del Tabellone che stabilirà il più grande scacchista di sempre secondo i lettori di Scacchierando, scelto tra i sedici Campioni del mondo “indiscussi” della storia.

Sondaggio_Botvinik-Capablanca


survey hosting
bike trail guide

Sondaggio_Spassky-Steinitz


web polls

Tabellone

Ottavi Quarti Semifinali Finale Semifinali Quarti Ottavi
Carlsen Botvinnik
Euwe Carlsen 91% Capablanca
Lasker Lasker 65% Anand
Petrosian Fischer
Alekhine Spassky
Tal Alekhine 59% Steinitz
Karpov Karpov 79% Kasparov
Kramnik Smyslov
Vincitore

Articolo di presentazione

Ottavi di Finale, parte alta del Tabellone

44 Commenti a “Chi è il più grande scacchista di sempre?”

  1. Darkstorm
    3 giugno 2020 - 14:26

    Con tutto il rispetto per Karpov, preferirò la grandezza e completezza di Alekhine 50-100 anni prima di tutti gli altri.

    Quanto a Spassky Steinitz se le giocano sul filo di lana. Preferito il russo per la sua sola classe e amore per gli scacchi, il quale ha consentito lo svolgimento del match del secolo a tutti i costi accettando e ascoltando ogni pretesa della controparte seppure fosse il campione in carica.

  2. Megalovic
    3 giugno 2020 - 15:18

    Questi ottavi rischiano di far sparire la scuola sovietica che dominò ininterrottamente la scena mondiale dal 1948 al 1972 (dieci mondiali). Ma i sondaggi di oggi sono ancora da decidere.

  3. Megalovic
    3 giugno 2020 - 17:21

    Botvinnik ha vinto 5 mondiali. Di forza intrinseca ne doveva avere abbastanza. Non è stato fortunato nell’accoppiamento (come del resto il suo avversario, che ancora rischia visto che il sondaggio non è “chiuso”), l’unico degli ottavi che (secondo me) metteva di fronte due giocatori da Top-8.

  4. Angelmann
    3 giugno 2020 - 18:38

    Tutto grandemente opinabile, con tutta ovvietà.
    Avremo un vincitore ma nessuna verità, in fondo va bene così, spazio per chiacchierarne.
    Personalmente penso che Botvinnik ha avuto la sfortuna di vedere alcuni dei suoi anni migliori “rubati” dalla guerra. Comunque fortissimo, indubbiamente (secondo me, ovvio) nella top ten di sempre.

    Si confronta con un genio assoluto, a lungo dominatore indiscutibile, come Capablanca. Per motivi diversi, sia Botvinnik che Capablanca non appartengono alla schiera dei “solo scacchi”, come Lasker, in buona misura anche Smyslov.
    La maggioranza dei candidati a questo “titolo all time” ha invece mostrato, almeno a lungo, una dedizione assoluta. Solo uno spunto tra gli altri per riflettere e paragonare.

    Ho votato Kasparov ma che Smyslov strappi comunque qualche voto mi fa piacere, nell’arco dei tre match ha forse mostrato qualcosa in più di Botvinnik, aggiungendo poi la notevole longevità. Sicuramente un gigante.
    Su Tal, se è indubbio che l’impatto di Alekhine sia stato maggiore, rendendolo “più grande”, non giurerei sul talento. Dove sarebbe potuto arrivare Tal senza i problemi di salute?

    Che la scuola sovietica resti in parte fuori dopo questo primo turno non mi turba, votiamo i giganti non le scuole. E poi Karpov e Kasparov sono con tutta evidenza prodotti della scuola sovietica.

    Sulla forza obiettiva alla scacchiera troppo il divario del tempo. In linea generale, Carlsen, forte dell’essere erede di una grande storia e del suo talento evidente, è ragionevolmente l’umano più forte mai sedutosi davanti ad una scacchiera.
    Nonostante non si parli così di forza, questo aspetto rischia di sminuire Steinitz, straordinario fondatore degli scacchi moderni. Da non dimenticare che aveva 58 anni quando perse il match con Lasker, non senza dare molto filo da torcere al giovane e fortissimo rivale (d’altra parte, probabilmente, non ancora al top della sua forza scacchistica).

    Chiacchiere, belle per questo!

  5. Darkstorm
    3 giugno 2020 - 22:36

    Qui le chiacchere stanno a zero, signori!

    Ci si gioca il decreto definitivo sulla sacralità della scuola russa di Megalovic! Mi chiedo solo se questo possa permanere in caso di vittoria di Alekhine o Kasparov.

    In ogni caso si potrebbero risolvere gli exit poll e completare le discussioni in qualche fraschetteria come si deve, compresi gli schiaffoni alla romana prima e qualche animale di fattoria ben condito poi.

  6. Megalovic
    4 giugno 2020 - 19:32

    Vedo che c’è un sondaggio 50 e 50…all’ultimo voto! Del resto si sapeva che era l’ottavo più equilibrato. Vi ricordo che si può votare fino alle 23:59 di stasera.

  7. Megalovic
    4 giugno 2020 - 23:48

    Vedo anche un 51 a 49 in un altro sondaggio…

  8. Megalovic
    5 giugno 2020 - 00:05

    Sto cercando di impostare i sondaggi perché escano i risultati finali anche con il numero di voti. A breve i risultati.

  9. Megalovic
    5 giugno 2020 - 00:14

    Risolto con lo screenshot. Pubblicato il primo 50 e 50, Spassky-Steinitz. A breve Botvinnik-Capablanca

    Nel frattempo sono partiti i sondaggi delle Semifinali, parte alta del Tabellone

  10. Megalovic
    5 giugno 2020 - 01:19

    L’idea è carina ma non è praticabile per due motivi.

    1. un voto in più, è sempre un voto in più.

    2. Se, per esempio, dovessero passare Botvinnik e Capablanca, chi viene accoppiato a Kasparov nei quarti? E chi va con Fischer? E poi, chi lo vuole sentire Kasparov che si aspetta di incontrare Spassky e invece si ritrova Capablanca o Botvinnik 😀

  11. Megalovic
    5 giugno 2020 - 03:17

    Decisa la soluzione. Si vota, ma con un commento ad un articolo dedicato, e potrebbe anche essere decisivo essere tra i primi a votare.

    Articolo dello spareggio QUI

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.