Scacchierando.it
Scacchierando.netlogo

Clima e umori al CIA 2005: quinta giornata

E’ stata una lunga giornata quella odierna. In mattinata si è svolta la Conferenza Nazionale Atleti. Presenti quasi tutti i partecipanti al CIA, alcuni scacchisti venuti apposta per l’occasione (tra gli altri Eleonora Ambrosi e Denis Rombaldoni), diversi componenti del Consiglio Direttivo della FSI che si era svolto il giorno prima. Presente Gianpietro Pagnoncelli, assente Sergio Mariotti. Sono stati affrontati temi delicati e nel contempo scottanti. Preferisco che vengano sintetizzati da un comunicato ufficiale della FSI.

La quinta giornata di Campionato. E’ domenica, quindi è presente qualche spettatore in più. Ma all’inizio del turno subito si verifica un inconveniente ambientale: nel silenzio profondo della Sala Torneo si percepisce chiaramente un rumore continuo, come di una ventola rotta o uno sciacquone mal chiuso. Il rumore non è forte, ma continuo e fastidioso, proviene proprio dalla zona del soffitto immediatamente sopra a Fabio Bruno, il più sensibile ad ogni forma di disturbo. Allertato il personale dell’hotel, viene mobilitata l’assistenza esterna, ci vuole comunque un’ora prima che venga risolto l’inconveniente. Nessuno penso però che a quel momento potesse sentirsi danneggiato.

Dopo una quindicina di mosse pareggiano Rossi e Godena. I due si portano in Sala Analisi e riguardano pacatamente la partita. Rossi è più contenuto del solito, con Godena non può “maramaldeggiare” sulla scacchiera. Solo ad un certo punto si lascia un po’ andare: “Due Alfieri contro due Cavalli, il Bene contro il Male, lui è il Bene…”.

La seconda a terminare è l’Arlandi – Ronchetti. Niccolò si è preso una smazzolata niente male, ma la sua reazione mi è sembrata molto positiva: niente commiserazione e subito analisi su analisi, come al solito a velocità fotonica. Ennio era chiaramente convinto che l’impianto giocato da Niccolò fosse chiaramente inferiore, ma Ronchetti faceva valere le sue ragioni citando in continuazione l’amico Fritz! Le analisi di apertura erano sempre accompagnate da espressioni del tipo “E qui Fritz dà parità, qui Fritz ritiene di stare bene, qui Fritz se la gioca…”. Quando però alla fine di una lunga variante, allucinante e forse ingiocabile per esseri umani, ha detto “E qui Fritz si ritiene in vantaggio di uno 0,30!” per poco Arlandi non cade dalla sedia dal ridere. L’impressione è che Ronchetti ci giocasse un po’ dentro, visto che dopo certe affermazioni se la rideva di gusto, però il dubbio che da qualche parte nel cervello avesse un microchip mi è venuto : - ). Arlandi ovviamente era divertito (e poi aveva vinto…) e ne approfittava per schermirsi, dicendo che lui era troppo vecchio e che le nuove generazioni hanno un rapporto completamente diverso con gli scacchi.

La Borgo – Cacco termina di botto, così come, purtroppo, Christian ci ha abituati in questo Campionato. In analisi Cacco (dopo l’inevitabile sfogo di fine partita) era abbastanza rilassato, dimostrando di aver le idee chiare su quel finale e dando del filo da torcere a Borgo, che spesso si spazientiva non trovando linee chiaramente vincenti.

La Pizzuto – Piscopo si conclude in parità. Piscopo è stato a lungo meglio, però Pizzuto non ha ceduto. Quando ancora la partita non si era conclusa Rossi, guardandola dalla postazione internet e vedendo che Pizzuto continuava a riflettere, ha esclamato “Ragazzi, aspettatemi qui che scendo un attimo a vedere se Pizzuto è morto!”.

La Contin – Scalcione è rimasta segnata fin dall’apertura da un “pacco” tirato da Contin. Scalcione si è ritrovato con un pezzo in meno, ha lottato ancora a lungo, ma era solo questione di tempo.

La Bruno – Manca è stata drammatica, risoltasi quando i due giocatori sotto l’incalzare del tempo hanno dovuto giocare rapidamente un finale che esigeva grande precisione. L’analisi l’ho seguita solo in parte perché era tardi, comunque Bruno affermava di essere stato sempre meglio e di aver gettato un altro punto intero. In ogni caso quel finale non si poteva perdere mai. Manca era abbastanza d’accordo, recriminava su un ‘a4’ che forse doveva anticipare.

Quinto turno

Contin – Scalcione 1-0;

Arlandi – Ronchetti 1-0;

Borgo – Cacco 1-0;

Bruno – Manca 0-1;

Pizzuto – Piscopo 1/2-1/2;

Rossi – Godena 1/2-1/2.

Classifica

Arlandi 4

Contin, Godena e Rossi 3,5;

Manca e Ronchetti 3;

Borgo, Bruno, Piscopo e Pizzuto 2;

Scalcione 1;

Cacco 1/2.

Prossimo turno

Scalcione – Godena;

Piscopo- Rossi;

Manca – Pizzuto;

Cacco – Bruno;

Ronchetti – Borgo;

Contin – Arlandi.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Clicca per Registrati.